menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
via Roma

via Roma

Coronavirus e commercianti, 'Terni al Centro' presenta la lista delle necessità più urgenti: dalla Ztl agli sgravi fiscali

Terni si prepara alla fase 2 ma i commercianti chiedono chiarezza e aiuti, sulla Ztl non mancano le polemiche. L'associazione: "L'apertura non è la soluzione di tutti mali, aprire nella fase di emergenza, poi si parlerà di nuovi criteri"

“Giustamente siamo preoccupati, ma anche fiduciosi della forza che insieme come comunità possiamo avere se agiamo con coscienza e responsabilità”.

Inizia così una nota dell’associazione ‘Terni Al Centro’. Il presidente Gianluca Munzi in questi giorni di lockdown dialoga spesso con gli associati, circa trecento commercianti del centro storico, anche per progettare la ‘fase 2’. Nei giorni scorsi dall’associazione era giunto un appello alle istituzioni relativamente all’applicazione di sgravi fiscali e incentivi, tra cui una riapertura della Ztl, in forma di ‘emergenza’ per il primo periodo per poi ristudiare a tavolino metodi e criteri in una successiva fase dopo il riavvio. L’obiettivo, a detta dei commercianti, è di permettere al cliente di arrivare con l’auto il più vicino possibile al negozio, un modo per evitare che si resti troppo tempo in giro a piedi. Non sono mancate polemiche e oggi l’associazione riprende in mano la biglia: “Prendiamo atto delle disposizioni dettato dall'evoluzione dell'epidemia Covid 19 – spiega Munzi -. Ci rendiamo tutti conto della gravità della situazione e siamo pronti a fare i sacrifici necessari, come la chiusura totale delle nostre attività, attuando una quarantena volontaria che salvaguardi la nostra salute oltre a quella pubblica, laddove ci siano garantite delle soluzioni che ci consentano di tamponare le ingenti perdite economiche a cui siamo soggetti. Chiediamo di essere ascoltati quanto prima e di lavorare insieme per trovare la strada giusta da seguire”. Fa seguito la lista delle emergenze da attuare sin da subito:

1) Sospensione per i prossimi tre mesi e ricalcolo delle tasse di occupazione suolo pubblico;

 2) Sospensione per i prossimi tre mesi della tassa sullo smaltimento dei rifiuti;

3) Sospensione per i prossimi tre mesi della quota acquedotto e fognature;

 4) Sensibilizzare i direttori dei centri commerciali a non applicare sanzioni in caso di riduzione dell’orario di apertura o chiusura completa degli esercizi all’interno dei centri stessi;

 5) Sensibilizzare i locatori degli esercizi commerciali a prevedere una sospensione del canone fino alla fine dell’emergenza, prevedendo un rientro dilazionato nelle mensilità successive;

 6) Possibilità di recuperare facilmente mascherine, guanti, gel sanitari;

 7) Possibilità di occupazione di suolo pubblico per consegne merce;

 8) Possibilità di consegna (delivery) da parte degli esercenti in tutto il territorio financo nella Ztl;

 9) Possibilità di aperture straordinarie della Ztl per agevolare i cittadini al raggiungimento dei negozi del centro per evitare assembramenti.

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Muore la padrona e restano "orfani". Due gatti cercano famiglia a Terni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TerniToday è in caricamento