Coronavirus, i casi sospetti in Umbria mettono in allarme: gli infermieri scrivono alla Regione

Il sindacato degli infermieri scrive alla Tesei e chiede tutela: siamo i più esposti a eventuali contagi, chiediamo chiarezza anche per la carenza di personale

Dopo la notizia su presunti casi sospetti di Coronavirus anche in Umbria gli infermieri degli ospedali regionali hanno scritto una lettera, tramite il sindacato NurSind, sindacato delle professioni infermieristiche, alla Regione: siamo la categoria più esposta, scrivono, per cui chiedono tutela e chiarezza: “Facendo seguito ai primi casi di infezione da Coronavirus rilevati sul territorio Umbro – si legge nel testo - siamo a chiedere informazioni relative agli interventi che la Regione Umbria ha già messo in essere a tutela degli infermieri e del personale sanitario che inevitabilmente potrà essere maggiormente esposto. Preoccupati della già grave situazione riguardante la carenza di personale infermieristico delle aziende sanitarie umbre, vi esortiamo ad attuare tutti gli interventi previsti dalle linee guida internazionali per prevenire e limitare il diffondersi del virus tra gli operatori sanitari e tra la popolazione tutta. In attesa di un riscontro si porgono distinti saluti”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La mappa del contagio, “esplosione” di positivi in due comuni del Ternano

  • Coronavirus, la situazione dei contagi: in ventiquattro ore più positivi a Terni che a Perugia

  • Coronavirus, torna a salire il numero di contagi. La provincia di Terni doppia (quasi) quella di Perugia

  • Ast, la testimonianza di un lavoratore: ecco cosa è successo alla riapertura della fabbrica

  • Coronavirus, Giove verso la zona ‘rossa’. In arrivo l'ordinanza di isolamento: primo comune del ternano

  • Scuola e virus, le ipotesi: nessuna riapertura, esami “soft” e da settembre ancora didattica a distanza

Torna su
TerniToday è in caricamento