menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coronavirus, importante novità a Giove: picco massimo di guariti nel comune ex zona rossa

Sono ben dieci i nuovi guariti annunciati dal sindaco Alvaro Parca, è la rilevazione massima dall’inizio della pandemia

Il comune di Giove torna a sorridere, quantomeno da un punto di vista delle nuove guarigioni. Sono ben dieci annunciate dal sindaco Alvaro Parca, nel consueto appuntamento dedicato ai concittadini: “Grandi movimenti, ben dieci guariti. Rimangono sei positivi, due dei quali ancora in ospedale mentre quattro fanno parte degli asintomatici rivelati dai test sierologici dei quali aspettiamo con ansia i risultati dei tamponi finali”.

Finalmente si raggiunge quota zero dei soggetti positivi sintomatici in isolamento domiciliare, restano in sette le persone assistite dalla Usl locale in isolamento fiduciario in un contesto di ben 44 guarigioni.

Donazioni per le famiglie in difficoltà

Il sindaco ha anche pubblicato l’ammontare delle somme relative alle donazioni effettuate per aiutare le famiglie e i soggetti in difficoltà. Al 15 maggio l’importa ammonta a 19675 euro. “Stiamo ricevendo le proposte di varie aziende commerciali per trasformare le somme ricevute in benefici diretti per chi ne ha più bisogno. Ovviamente sarà tutto rendicontato nella massima trasparenza”. Infine, per ciò che concerne la richiesta di contributi per beni alimentari e di prima necessità, il primo cittadino ha pubblicato un documento fatto pervenire alla regione dell’Umbria.

All’interno dello stesso si precisa che “L’assistenza alle persone in quarantena preventiva è stata effettuata in forma volontaria e gratuita dai volontari che si sono avvicendati”. Inoltre “Tale assistenza si è limitata al servizio di acquisto per la spesa presso gli esercizi commerciali e successiva consegna a domicilio, a seguito degli ordini telefonici ricevuti e non all’acquisto dei beni alimentari che sono stati pagati dai richiedenti”. Il concetto della consegna dei volontari ai richiedenti è stato ribadito anche per le ricette dematerializzate inviate direttamente in farmacia.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Muore la padrona e restano "orfani". Due gatti cercano famiglia a Terni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TerniToday è in caricamento