Coronavirus-fobia, la Nazionale di canottaggio lascia Piediluco

La formazione rumena sarebbe dovuta rimanere fino ad aprile ma con ogni probabilità le ottanta persone partiranno nei prossimi giorni

Canottaggio a Piediluco - foto Canottaggio.org

Una fobia dilagante e spesso ingiustificata – almeno sul nostro territorio – ma che sta facendo danni significativi. Anche allo sport e alla ricettività locale. Tanto che la Nazionale rumena di Canottaggio, arrivata a Piediluco lo scorso dicembre e che sarebbe dovuta ripartire ad aprile, ha deciso di lasciare il paese lacustre e l'Italia nei prossimi giorni a causa dell'allarme lgato al Coronavirus.

Una situazione ancora in divenire e che potrebbe cambiare – sarebbero in corso i contatti con l'Ambasciata per definire le modalità di rientro - ma sembra proprio che il dado sia tratto. Le ottanta persone, tra atleti e staff, dovranno quindi fare i bagagli, anche se a malincuore. A quanto sembra, la percezione dalla Romania rispetto alla situazione Coronavirus apparirebbe molto allarmistica, tanto che sarebbero state molte le famiglie dei ragazzi che si trovano a Piediluco ad avere espresso estrema preoccupazione rispetto a un possibile contagio, tanto da spingere per il rientro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Da una parte si tratta di una reazione comprensibile – dice il delegato del Coni Francesco Tiberi – perché la percezione che può arrivare a migliaia di chilometri di distanza è sicuramente diversa dalla nostra. Gli atleti sono molto dispiaciuti e se andranno a malincuore. Di certo il danno riguarda sia l'ambiente sportivo che quello economico: a Piediluco 80 persone in albergo per oltre tre mesi avrebbe fatto la differenza. Speriamo che l'allarme che si è generato rientri al più presto”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: “Siamo a Terni e non in qualche paese lontano da noi”. La foto scattata all’ospedale fa il giro del web

  • Nuova ordinanza restrittiva: “Chiusura domenicale dei centri commerciali e attività di vendita. Limitazioni per cerimonie e stop allo sport”

  • Coronavirus, sospese le lezioni per un’altra scuola di Terni tranne per una classe: “Una mattinata particolare”

  • "Indossate la mascherina str..zi”: delirio e risate a Radio Deejay. Lo spot in ternano di Francesco Lancia in soccorso del Governo

  • Arriva il dpcm di Conte, ma è scontro con le regioni. La Tesei pensa a un'ordinanza restrittiva

  • Raccordo Orte-Terni, si apre voragine sulla carreggiata: traffico in tilt ed intervento del personale Anas

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento