Coronavirus, il lento “sogno” della normalità: riaprono i mercatini settimanali

Da oggi tornano i banchi in piazza del Popolo del popolo ad Orvieto e da domani a Narni scalo. Il sindaco De Rebotti: ma serve un comportamento idoneo, chiediamo la massima collaborazione sia dei cittadini che degli ambulanti

Il mercato di Orvieto (foto di repertorio)

Aspettando la fase due, anche un piccolo segnale può far diventare un po’ più concreto il sogno di un lento ritorno alla normalità dopo l’emergenza Coronavirus.

Riapriranno da domani i mercatini settimanali di Narni. Lo stabilisce un’ordinanza del sindaco, Francesco De Rebotti, che dà il via alla riapertura da domani a Narni scalo e, dal 2 maggio, al centro storico. Nel provvedimento del sindaco si fissano regole di comportamento sia per gli ambulanti che per i cittadini con l’uso obbligatorio delle mascherine per entrambe le categorie.

Agli operatori commerciali si prescrive di porre a terra, prima dell’inizio dell’attività di vendita, l’apposita segnaletica finalizzata a tenere distanziata la clientela dal banco e fra loro nel rispetto dei principi di distanziamento fra persone. Prevista anche la messa a disposizione di guanti usa e getta e la disponibilità di sistemi per la disinfezione delle mani. I dispositivi devono essere disponibili accanto a tastiere, schermi touch e sistemi di pagamento.

“Questi appuntamenti – spiega il sindaco illustrando l’ordinanza – non sono l'occasione per ritrovarsi ed incontrare amici e conoscenti, come in una piazza, per scambiare quattro chiacchiere. Si prega quindi la massima collaborazione sia dei cittadini che degli ambulanti affinché i mercati rispondano alla necessità della spesa e vadano nella direzione di iniziare a creare un codice comportamentale idoneo alla fase che stiamo vivendo”. 

Da oggi tornano anche i banchi in piazza del Popolo a Orvieto e poi lunedì sarà la volta di quello di Sferracavallo e martedì di Ciconia e Orvieto scalo. Sarà una riapertura limitata ai banchi alimentari come consentito dall’ultimo Dpcm del 10 aprile.

Ad illustrare le modalità del mercatino di piazza del Popolo è il sindaco di Orvieto, Roberta Tardani che spiega che “i banchi saranno disposti in forma circolare lungo il perimetro della piazza per evitare qualsiasi forma di assembramento. Ci sono una serie di indicazioni che abbiamo dato e che devono essere rispettate dai clienti e dagli ambulanti. Verrà servito un cliente alla volta, tutti dovranno indossare guanti e mascherine, si dovrà stare in fila rispettando la distanza di sicurezza. Norme sul distanziamento sociale che abbiamo imparato a conoscere e rispettare in questi mesi”.

“Abbiamo predisposto i controlli da parte della polizia locale che sarà supportata dai volontari della protezione civile e dalle altre forze dell’ordine. Laddove dovessimo riscontrare problemi o elementi di criticità – anticipa il sindaco - il mercato verrà sospeso come prevede l’ordinanza”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“La nostra vita nei prossimi mesi sarà condizionata da questo virus, dovremo imparare a conviverci e a cambiare le nostre abitudini di vita sociale. Questo è un banco di prova per la futura ripartenza, ma sono fiduciosa perché ormai siamo consapevoli dei rischi che si corrono e dobbiamo dimostrare di essere responsabili e maturi. Voglio ricordare – ricorda però Tardani - che non è cambiato nulla rispetto alle regole di comportamento dei Dpcm e quindi si può uscire di casa solo per motivi di lavoro, salute e per l’approvvigionamento di beni di prima necessità. Per il mercato è come andare al supermercato o nel negozio sotto casa: ci si va solo per ragioni di necessità, si fa la spesa e si va a casa. Per gli anziani restano attivi i servizi di consegna a domicilio di beni di prima necessità e farmaci, per i quali molte attività si sono rese disponibili e che colgo l’occasione di ringraziare”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: “Siamo a Terni e non in qualche paese lontano da noi”. La foto scattata all’ospedale fa il giro del web

  • La protesta a Terni contro le restrizioni del Dpcm. Il corteo da piazza Tacito a Palazzo Spada: "Libertà"

  • Coronavirus, prove tecniche di un nuovo lockdown. E a Terni tornano le file ai supermercati

  • Nuova ordinanza restrittiva: “Chiusura domenicale dei centri commerciali e attività di vendita. Limitazioni per cerimonie e stop allo sport”

  • Coronavirus, sospese le lezioni per un’altra scuola di Terni tranne per una classe: “Una mattinata particolare”

  • "Indossate la mascherina str..zi”: delirio e risate a Radio Deejay. Lo spot in ternano di Francesco Lancia in soccorso del Governo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento