Fase due, il sindaco vieta lotto, slot machine e altri giochi d’azzardo: non sono una priorità

L’ordinanza del primo cittadino di San Venanzo, Marsilio Marinelli. Consentiti i “gratta e vinci” ma, dopo l’acquisto, per “grattare” i ticket bisognerà allontanarsi dal locale

Un’ordinanza del sindaco, Marsilio Marinelli, ha disposto a San Venanzo la chiusura di tutte le tipologie di giochi nei pubblici esercizi e nelle tabaccherie. Il provvedimento, reso noto dallo stesso sindaco, riguarda quelle attività che comportino lo stanziamento del giocatore all’interno dell’esercizio, come Lotto, Superenalotto, slot machines ed altri. Consentito, dall’ordinanza, invece il gioco del “gratta e vinci” con espressa prescrizione che una volta acquistato il biglietto, l’operazione del grattare non può essere fatta all’interno dell’esercizio, né nelle immediate vicinanze.

“Ho deciso l’emissione di questa ordinanza sostanzialmente per due ordini di motivazioni”, spiega Marinelli che elenca le ragioni. “In primo luogo perché resta assolutamente prioritario evitare ogni possibile ipotesi di assembramento e partecipare ai giochi on line può avere questo risultato ed inoltre non sembra che questa dei giochi possa essere considerata una priorità. Quando ripartirà tutto, ripartiranno anche i giochi on line”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si tornerà in "zona arancione". Domani l'ordinanza che farà retrocedere l'Umbria

  • Lutto a Terni, è scomparso Mauro Moretti noto ristoratore di una storica attività del territorio

  • Da San Gemini alla Siberia, la storia d’amore e l’annuncio di Lorenzo Barone: “Mi sposo con Aygul”

  • Esce dall'auto e poco dopo si accascia a terra e muore. Un sabato pomeriggio drammatico a Ferentillo

  • Terapie intensive, ricoveri ordinari e indice Rt: ecco perché l’Umbria rischia il “cartellino” arancione

  • Tragedia ad Arrone, muore una giovane mamma: “Siamo tutti sotto choc, increduli e scossi”

Torna su
TerniToday è in caricamento