menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
foto Giacomo Sirchia

foto Giacomo Sirchia

Tra rinascita e difficoltà Corso Vecchio si illumina: “Le stelle fatte a mano e gli addobbi per regalare la magia del Natale”

Il Comitato dei commercianti: “Abbiamo il maggior numero di attività storiche presenti. Siamo uniti e coesi. Ci ha fatto piacere far respirare un pizzico di normalità in questo momento così complesso”

Una lunga tradizione tramandata nel corso del tempo. La storia di Corso Vecchio si lega indissolubilmente a quella della città di Terni. Dal periodo del miracolo economico alle grandi crisi, fino all’emergenza sanitaria in auge. La lunga via, appartenente al cuore pulsante del centro cittadino, oltre ad essere la location designata del teatro Verdi, accoglie il maggior numero di attività storiche presenti a Terni. Il Comitato dei commercianti del posto, nonostante le comprensibili difficoltà legate agli effetti della pandemia si è organizzato per renderlo, ancora una volta, attrattivo ed accogliente agli occhi di grandi e piccini.  

“Come gli altri anni ci siamo organizzati per le accedere le luminarie e posizionare gli addobbi, ad esempio le stelle di colore oro e argento, in vari punti della via” esordiscono dal Comitato.  “Per le luminarie sono diminuite le adesioni. Alcuni colleghi infatti non hanno potuto partecipare. Tuttavia volevamo garantire l’addobbo poiché ci sembrava importante offrire ai concittadini un contesto gradevole per fare una passeggiata e distrarsi qualche minuto”.

“Tante persone sono colpite da sofferenze. Montano anche preoccupazione ed ansia” riferendosi al periodo particolarmente delicato. “Quest’anno nel massimo rispetto di tutte le normative e le prescrizioni abbiamo ritenuto fare uno sforzo aggiuntivo e far vivere qualche minuto di atmosfera natalizia anche ai bambini. Anche loro stanno attraversando un periodo anomalo. Vederli allegri nell’osservare il tutto ci ha reso sicuramente felici”.

I commercianti come stanno attraversando questa fase? “Siamo uniti e coesi, non c’è stato disaccordo, alcuni colleghi non se la sono sentita per tanti motivi e liberamente non hanno partecipato alle spese per le luminarie. Siamo riusciti a garantire l’allestimento, ne va dell’interesse collettivo, della nostra via e del centro cittadino. Se tutte le vie sono accoglienti il beneficio è esteso ad ogni componente della città. Non ne abbiamo fatto una questione di singole adesioni. Chi non può contribuire è libero di non partecipare, anche per una forma di solidarietà, senza fare polemiche, è nell’interesse reciproco”.

La particolarità: “Le stelle sono state realizzate da una collega della via, le ha ideate e fatte con le proprie mani. Dalla costruzione al dipinto è stata davvero bravissima”.  

Restrizioni, ripartenza e criticità: “Dal punto di vista commerciale, al di là dell’anomalia e straordinarietà del periodo, dopo il 6 dicembre c’è stata la possibilità di riaprire. Dal quel dì – ricordano dal Comitato dei commercianti di Corso Vecchio - sicuramente si sono risvegliate le dinamiche della via. Il riscontro varia anche a seconda delle merceologie. Anche da noi alcune categorie merceologiche lavorano, altre soffrono delle limitazioni alla socialità penso all’abbigliamento, calzature e accessori. Altre invece hanno avuto un discreto riscontro. Il settore è stato complessivamente colpito. Tuttavia abbiamo percepito anche un piccolo risveglio, in termini di presenze e vendite.”

La particolarità: “Negli ultimi due tre anni Corso Vecchio ha avuto una rinascita, dopo un periodo di crisi. Ad esempio, nonostante la pandemia non ci sono state delle chiusure dettate dalla crisi. Piuttosto dei trasferimenti, legati prettamente a strategia commerciale. L’aspetto più importante risiede nel ricambio – concludono - poiché il locale non rimane sfitto per anni. Dopo pochi mesi viene riaperto da una nuova attività”.

GLI ADDOBBI A CORSO VECCHIO: FOTO

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La storia di un’artigiana ternana, dal riciclo del materiale di scarto alla trasformazione in pezzi unici: “Collane, bracciali, orecchini su misura”

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TerniToday è in caricamento