Attualità

Dal 18 maggio coprifuoco spostato alle 23.00 fino all'abolizione prevista per il 21 giugno. Cosa prevede il nuovo decreto legge

Le indicazioni della cabina di regia verranno acquisite nel decreto legge che il presidente Draghi vorrebbe approvare entro oggi. Ecco tutte le novità

Da martedì 18 maggio il coprifuoco scatterà alle 23.00 per poi spostarsi alla mezzanotte dal 7 giugno ed essere definitivamente abolito dal 21 giugno prossimo.

Questi sono i primi orientamenti della cabina di regia del governo che isprireranno il prossimo decreto del governo Draghi relativo alle riaperture.

Piede sull'acceleratore del governo, quindi, per dare nuovo slancio al paese con un DL che prevederà un corposo allentamento delle misure restrittive ancora in essere. Le indicazioni della cabina di regia, passeranno successivamente sui banchi di Palazzo Chigi per una rapida approvazione delle nuove misure.

Le riaperture proposte dalla cabina di regia

Secondo le prime indiscrezioni riportate sul Corriere.it, queste sarebbero le misure da varare:
- coprifuoco: slitta alle 23 da domani sera, dal 7 giugno a mezzanotte, dal 21 giugno abolito. Nelle regioni bianche abolito il coprifuoco dal primo giugno
- matrimoni: il 15 giugno via libera all’aperto e al chiuso con «green pass»
- palestre: apertura dal 24 maggio
- sale gioco, sale scommesse, sale bingo e casinò: apertura dal 1 luglio
- piscine al chiuso e centri termali: apertura dall’1 luglio
- centri commerciali aperti dal prossimo weekend del 22
- bar: si potrà consumare al bancone dall’ 1 giugno
- ristoranti: dall’1 giugno si potrà cenare al chiuso
- impianti da sci: riaprono il 22 maggio alle condizioni indicate dalle linee guida
- corsi di formazione: via libera dall’1 luglio
- congressi: ok dal 15 giugno con «green pass»
- parchi tematici e di divertimento: riaprono il 15 giugno
- centri culturali, centri sociali e centri ricreativi: riapertura dal 1 luglio
- Sale da ballo, discoteche e simili, all’aperto o al chiuso: le attività restano sospese.
- Presenza di pubblico in eventi e competizioni sportive: la presenza di pubblico è autorizzata per tutti gli eventi e competizioni sportive dal 1 giugno all’aperto e dal 1 luglio al chiuso nei limiti già fissati (capienza non superiore al 25% di quella massima e comunque non superiore a 1000 persone all’aperto e 500 al chiuso), e non più limitatamente alle competizioni di interesse nazionale.

Vuole fare in fretta Mario Draghi e chiudere entro la serata di oggi, lunedì 17 maggio, il pacchetto complessivo delle misure e bollinare il nuovo decreto legge.

Da quanto si apprende, Il governo ha già raggiunto anche l’accordo sulla modifica dei parametri per il cambio di fascia delle Regioni: dal prossimo decreto legge si terrà conto dell’Rt ospedaliero che conteggia i ricoveri nei reparti e nelle terapie intensive invece dei nuovi contagiati e si misurerà l’incidenza dei nuovi casi su 100 mila abitanti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dal 18 maggio coprifuoco spostato alle 23.00 fino all'abolizione prevista per il 21 giugno. Cosa prevede il nuovo decreto legge

TerniToday è in caricamento