Dare un nome alle emozioni, un progetto per potenziare le competenze relazionali dei giovani

La collaborazione fra comune di Terni e l'associazione "Inter Alma" nasce per offrire agli adolescenti dei codici di lettura delle proprie emozioni e diminuire l'impatto del disagio giovanile nella società.

Saper riconoscere le proprie emozioni è una competenza personale che va educata. C'è bisogno di un vero codice di lettura per dare un nome a quanto stiamo vivendo. In particolare è sempre più impellente offrire ai più giovani delle chiavi di accesso alle proprie emozioni per abbattere il rischio di innalzamento del disagio fra i ragazzi. 

E'  questa la motivazione che ha spinto il comune di Terni a stipulare un patto di collaborazione con l'associazione di promozione sociale "Inter Alma" e dare vita al progetto "Eskere" (un termine usato nello slang giovanile come richiamo, saluto tra amici o per esprimere consenso). Il progetto nasce dalla convinzione che sia fondamentale fornire degli strumenti personali e comunicativi per esprimere se stessi in modo funzionale all'interno delle relazioni interpersonali. 

Una iniziativa che prevede anche incontri scolastici per gli studenti di scuole medie inferiori e superiori del comune di Terni, la progettazione e lo sviluppo di una ricerca sociale, l’elaborazione e la diffusione di un questionario, la lettura e divulgazione degli output di ricerca. Altre attività potranno essere individuate e definite nell'ambito di un laboratorio urbano permanente, che rappresenta l'osservatorio per effettuare il monitoraggio sull’andamento delle attività in corso e per definire quelle successive.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Il grande senso civico della nostra città - afferma l’assessore al welfare Cristiano Ceccotti - è fortemente rappresentato nella definizione di questo patto di collaborazione. La nostra comunità, il terzo settore, è sempre più parte attiva nelle scelte e nella definizione della sussidiarietà sociale nell’ottica di un welfare a responsabilità diffusa caratterizzato dall’interazione tra una pluralità di attori".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Apre a Terni: “Il punto vendita di intrattenimento più grande del centro Italia”. Dalle difficoltà del Covid al coraggio di investire

  • Nasce il primo ristorante fantasma in città. L’idea di un giovane ternano: “Voglio contribuire al rilancio del nostro territorio”

  • Donna trans accoltellata di notte nella sua abitazione in via Battisti. Ricoverata al Santa Maria

  • Una gita a Terni che è valsa due multe in un minuto. L'indignazione di un turista: "Mi appellerò al prefetto"

  • Valigie di droga dal Pakistan a Terni. Decapitata la cupola dei signori dell'eroina

  • Bliz della squadra mobile, vasta operazione antidroga a Terni: “Indagine articolata e complessa iniziata oltre un anno fa”

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento