rotate-mobile
Attualità

“Mia nonna, invalida e diabetica, è caduta in casa a Terni: abbiamo chiamato il 118, nessuno è intervenuto”

Malasanità, la denuncia: “L’operatore ha risposto da Perugia ma ha detto che non potevano bloccare un mezzo per una caduta in casa. Credo che questo comportamento sia molto discutibile”

Riceviamo e pubblichiamo una denuncia di malasanità relativa ad un episodio che si è verificato nei giorni scorsi a Terni. La redazione di Terni Today resta – ovviamente – disponibile ad accogliere una eventuale replica da parte della gestione del servizio di 118.

------

Qualche mattina fa mia nonna, una signora anziana ultra 90enne con un’invalidità grave e diabetica, è caduta in casa sua a Terni, dove vive con i miei genitori.

Mia madre ha chiamato il 118 per chiedere soccorso e in primis per valutare se ci fossero stati possibili danni come la rottura di qualche osso. Poi magari, se così non fosse stato, veniva chiesto un aiuto per rialzare mia nonna (donna anche abbastanza di peso) e valutare se tutto fosse ok o meno. Ma l’operatore che ha risposto da Perugia ha prima fatto commenti poco educati, dicendo che era impossibile che le due persone che erano in casa con l’anziana non riuscissero ad alzare una persona - già pesante di suo e che poi, a peso morto, diventa ancora più pesante, e non collaborativa - poi che per una semplice caduta non potevano bloccare un mezzo di soccorso per eventuali emergenze.

Alla fine, non c'è stato nessun intervento da parte del 118 e i miei genitori si sono dovuti rivolgere a un amico di famiglia, che fortunatamente è riuscito ad aiutare mia nonna. Soprattutto, la fortuna è stata che mia nonna non si sia fatta nulla, a parte qualche piccolo ematoma qua e là. Ma di certo, questo comportamento da parte del 118 a nostro avviso è molto discutibile.

Né mia madre e né mio padre potevano sapere se mia nonna si fosse fatta male o addirittura rotta qualcosa, se la caduta poteva dipendere da un problema di altra natura come ipoglicemia o abbassamento di pressione o altro ancora, dato che nessuno dei due è dottore o ha mai fatto corsi di primo soccorso.

Seconda considerazione: è mai possibile che gli operatori del 118 si possono rifiutare di soccorrere una persona a terra? Dove andremmo a finire di questo passo?

Lettera firmata

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Mia nonna, invalida e diabetica, è caduta in casa a Terni: abbiamo chiamato il 118, nessuno è intervenuto”

TerniToday è in caricamento