Disabili a Terni, l'attività motoria in acqua ancora ferma

Il consigliere Fiorini chiede chiarimenti su motivi della non riattivazione del servizio di riabilitazione e dei fondi che erano stati risparmiati

Disabili e problemi, il consigliere comunale di Uniti per Terni Emanuele Fiorini interviene al question time per chiedere chiarimenti in merito all'utilizzo del risparmio ottenuto nel 2019 e nel 2020, rispettivamente di 75 mila euro per il primo anno e di 170 mila euro per il secondo. “L'assessore Ceccotti  - dice - non ha fornito una risposta esaustiva, l'unica cosa chiara è che il servizio di attività motoria in acqua, per il quale dovevano servire parte dei risparmi ottenuti, non è ancora stato attivato. Vale la pena ricordare la storia. A giugno 2019 i servizi sociali, con un atto firmato dalla Dirigente Moscatelli e all’epoca dall’Assessore Cecconi, scrivevano alla Usl chiedendo di riattivare, dopo due anni, l’attività motoria in acqua per le persone con disabilità. A tale richiesta la Usl manifestò la propria disponibilità alla riattivazione, ma solo per le persone che frequentavano i centri diurni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dato che il servizio era stato sospeso già da due anni e riguardava sia adulti che minori con disabilità e non solo chi frequentava i centri diurni, l’assessore Cecconi diede mandato alla dottoressa Argenti di aprire un'istruttoria che permettesse di attivare lo stesso con risorse esclusivamente a carico del Comune. Tale istruttoria si sarebbe dovuta concludere nell’agosto 2019, ma l’assessore Cecconi, come è noto, venne destituito dal sindaco in data 10 agosto. Da qui la mia richiesta all’assessore Ceccotti di conoscere l’esito di tale istruttoria. Ho chiesto, tenendo conto anche delle diverse versioni fornite dallo stesso assessore nel tempo, quale sia stata la reale sorte dei 75000 e dei 170.000 euro risparmiati. Le risposte fornite sono state evasive. Dato che il question time si è svolto in remoto e che le risposte mi sono state fornite in maniera approssimativa – conclude -provvederò a presentare all'assessore la stessa interrogazione in forma scritta”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La protesta a Terni contro le restrizioni del Dpcm. Il corteo da piazza Tacito a Palazzo Spada: "Libertà"

  • Coronavirus, prove tecniche di un nuovo lockdown. E a Terni tornano le file ai supermercati

  • Nuova ordinanza restrittiva: “Chiusura domenicale dei centri commerciali e attività di vendita. Limitazioni per cerimonie e stop allo sport”

  • Coronavirus, sospese le lezioni per un’altra scuola di Terni tranne per una classe: “Una mattinata particolare”

  • "Indossate la mascherina str..zi”: delirio e risate a Radio Deejay. Lo spot in ternano di Francesco Lancia in soccorso del Governo

  • Il racconto di una mamma: la maestra di mio figlio è positiva al Covid, ecco tutto quello che non funziona nel sistema

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento