menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
fiumi

fiumi

Emergenza siccità nei fiumi del ternano, la situazione

Il mese di febbraio piuttosto anomalo ha comportato una diminuzione piuttosto lampante di acqua all'interno dei corsi d'acqua

Sono già trascorsi nove giorni dall’inizio del mese di marzo. Tranne qualche sporadica goccia di pioggia, caduta ieri pomeriggio, non ci sono state delle vere e proprie precipitazioni da segnalare. Una situazione che si protrae da diverse settimane, ed ha visto un febbraio anomalo, con temperature al di sopra delle medie stagionali. Da inizio anno sono caduti sul capoluogo 125,2 mm di acqua con una frequenza giornaliera massima riscontrata di 27,2 mm (fonte Osservatorio Meteorologico di Terni). L’allarme è stato già lanciato da Coldiretti nei giorni scorsi, ed è piuttosto tangibile anche osservando i corsi d’acqua di casa nostra :”Le riserve idriche sono necessarie per i prossimi mesi quando le colture avranno bisogno per crescere.” A seguito della primavera anticipata, alcune coltivazioni sono in grande anticipo causando una sorta di tilt per la natura. Tutto ciò è frutto dei cambiamenti climatici ormai appurati che mettono a dura prova l’agricoltura. In città ad esempio il fiume Nera scorre ai minimi, in alcuni tratti si vede anche il fondo così come il torrente Serra, suo affluente. Le previsioni annunciano possibili precipitazioni già dalla giornata di lunedì. Un toccasana anche per abbassare il livello delle polveri sottili ed intervenire, seppur indirettamente, sull’inquinamento atmosferico e tutte le conseguenze che può provocare

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TerniToday è in caricamento