Emporio bimbi, due anni di solidarietà: aiutate 199 famiglie

Materiale per la scuola, abbigliamento, giocattoli e pacchi alimentari: il bilancio della struttura creata nel 2016 dall’associazione san Vincenzo de’ Paoli

Compie due anni l’emporio bimbi, la struttura inaugurata nel 2016 dall’associazione san Vincenzo de’ Paoli di Terni, che in via Pascoli offre accoglienza e servizi esclusivamente dedicati ai bambini.

La festa è in programma sabato 22 settembre presso il teatro comunale di Narni: sul palco si alterneranno i musicisti del Gruppo Suoni Band che si esibirà in un concerto di musica leggera, la proiezione di un video realizzato appositamente per l’evento e uno spettacolo a cura dei bambini che hanno frequentato i laboratori di arte, danza, musica ed inglese dell’emporio. L’ingresso sarà ad offerta per sostenere le attività dell’emporio.

La storia

L’obiettivo dell’emporio nasce dall’esperienza quotidiana vissuta dai volontari della san Vincenzo che hanno riscontrato sul campo la necessità di integrare l’assistenza tradizionale con l’inclusione dei bambini più svantaggiati. “Il progetto – spiegano dall’associazione di volontariato - interessa bambini di età compresa tra 0 e 12 anni appartenenti a famiglie di diverse nazionalità. Sono persone che vivono situazioni di difficoltà economica o altre situazioni di difficoltà esistenziale, famiglie straniere non perfettamente integrate, famiglie italiane che si sentono escluse in una società che emargina chi non ha i mezzi per sostenere l’alto tenore proposto come modello di vita per la felicità”. L’emporio bimbi cerca dunque “di mettere in atto azioni idonee ad attenuare le differenze sociali e culturali per evitare atti di discriminazione ed emarginazione nei confronti dei bambini più vulnerabili. Si cerca di dare a tutti strumenti per esprimere le proprie potenzialità e sentirsi così soggetti che avendo pari opportunità possono essere accolti e considerati solo per la loro unicità e valore”.

Proposte ed obiettivi

Emporio bimbi punta a “garantire i beni essenziali per una vita dignitosa mediante la loro distribuzione diretta; evitare la dispersione scolastica attraverso il servizio di doposcuola; far acquisire alle mamme la padronanza della lingua italiana per meglio interagire nelle vicende della vita dei figli; combattere l’isolamento e la solitudine dei bambini attraverso eventi di festa che favoriscono l’integrazione e l’amicizia in primo luogo con i figli dei volontari che frequentano l’emporio; raggiungere un livello di equilibrio e serenità nei bambini grazie all’attivazione di laboratori didattici e creativi che consentono di liberarsi dalle ansie e di esprimere le proprie emozioni”. Tutto questo, oltre a fornire consulenze professionali.

Il bilancio

In questi due anni di attività sono state 199 le famiglie che hanno ricevuto aiuti, mentre i bambini che hanno usufruito dei servizi e beni sono in tutto 328, di 31 nazionalità diverse. “Alcuni – spiegano dall’emporio - stanno per nascere”.
Sono stati distribuiti 240 zaini, 205 astucci completi, 1.325 quaderni, 623 confezioni di  pastelli, 1.719  tra grembiuli e accessori di cancelleria per  la scuola. Distribuiti inoltre 7.272 capi di vestiario, 1.042 scarpe, 3.010 capi di abbigliamento prima infanzia, corredo ed accessori, 451 tra passeggini e culle, 2.504 confezioni di pannolini e 6.121 di generi vari come bagnoschiuma, creme, spazzolini, dentifrici. Non mancano i giocattoli, che sono stati 4.175, oltre a 806 libri. Numerosi anche gli aiuti alimentari: 2.439 omogeneizzati, 1.470 fra Nutella, miele e marmellate, 8.437 varie (latte, biscotti, merendine).

I benefattori

Una attività notevole, che non sarebbe stata possibile se non ci fossero stati aiuti esterni. “Prezioso – dice l’associazione – è stato il contributo della Fondazione Carit.  La federazione nazionale ha elargito 10.000 euro attraverso il bando ‘Vincenziani per la comunità’ che ha permesso di ampliare l’offerta di laboratori didattici e di realizzare un evento di promozione dell’attività del prossimo 22 settembre. Oltre 80 famiglie ed esercizi commerciali e scuole hanno donato beni da distribuire all’emporio, sia nuovi che usati. I negozi di Acqua & Sapone ci hanno concesso raccolte tra i loro clienti così come la Conad Arca di Cardeto. La Cosp Tecno Service ci ha fatto una cospicua donazione di generi per la distribuzione, così come la banca Crediumbria in occasione dell’inaugurazione. L’Officina del Giocattolo ci ha fornito i giocattoli per il Natale. Il Forno di Giuseppe Ercoli ha garantito pane e dolci ogni giorno di apertura, molto gradita la pizza offerta settimanalmente dalla Pizzeria Il Borgo”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: “Siamo a Terni e non in qualche paese lontano da noi”. La foto scattata all’ospedale fa il giro del web

  • Coronavirus, sospese le lezioni per un’altra scuola di Terni tranne per una classe: “Una mattinata particolare”

  • Nuova ordinanza restrittiva: “Chiusura domenicale dei centri commerciali e attività di vendita. Limitazioni per cerimonie e stop allo sport”

  • Risse per le strade di Terni e assembramenti in centro. Con il dpcm non cambia la musica

  • "Indossate la mascherina str..zi”: delirio e risate a Radio Deejay. Lo spot in ternano di Francesco Lancia in soccorso del Governo

  • Arriva il dpcm di Conte, ma è scontro con le regioni. La Tesei pensa a un'ordinanza restrittiva

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento