menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
foto di repertorio

foto di repertorio

Movida a Terni, parte l’esposto dei cittadini: “Conati di vomito ovunque, puzza di urina umana. Coinvolgeremo i locali”

La segnalazione di un residente: “La situazione è sotto gli occhi di tutti. Il problema non sono tutti i locali ma solo quelli che non rispettano le regole sulla vendita degli alcolici”

Un altro week end è in arrivo per la città di Terni. Dalla ripartenza post emergenza sanitaria sono stati numerosi gli episodi di gazzarra sfocianti purtroppo, anche in risse o danneggiamenti contraddistinti nel centro cittadino. Una problematica assai nota in una sorta di escalation preoccupante e sempre più evidente. Nel contempo la questura di Terni, coinvolgendo tutti i soggetti preposti, ha lanciato il progetto #Divertiamoci insieme volto ad individuare delle ‘aree critiche’ e predisporre le misure necessarie per garantire maggiore sicurezza ai cittadini.

Intanto i residenti del centro sono costretti, soprattutto a cavallo tra venerdì e domenica sera, a dovere fare i conti con le criticità emerse: “Una situazione sotto gli occhi di tutti – afferma un abitante della zona adiacente alla Passeggiata – che vede protagonisti soprattutto i ragazzini i quali acquistano gli shottini a quattro spicci. Il problema infatti non riguarda tutti i locali ma solo coloro i quali non rispettano le normative sulla vendita degli alcolici. La maggior parte infatti sono minorenni che creano maggiore scompiglio. C’è poi l’annoso problema del vetro. Si rischia di uscire e vedersi piombare una bottiglia addosso. Le risse ci sono tutti i fine settimane, te lo raccontano i gestori dei locali”

Le soluzioni al vaglio: “Domenica mattina ho aperto la porta di casa trovando all’interno del vicolo conati di vomito ovunque, in fondo alla via c’era una puzza indescrivibile di urina umana. Non ci sono scusanti neppure sul discorso del lockdown che aveva imposto ai ragazzini di restare a casa, sono passati tre mesi, ora basta. Spesso con i vicini allertiamo le forze dell’ordine ma quando vedono i lampeggianti avvicinarsi scappano”. La decisione concertata con gli altri residenti del posto: “Prepareremo un esposto e tutte le settimane lo sottoporremo all’attenzione, fin quando non si risolverà la questione. Verterà sul discorso sicurezza, scarsa vivibilità della zona dal dopo mezzanotte.

Siamo consapevoli che abitando in centro possa esserci movimento e baccano, la tollerabilità da parte nostra può esserci fino ad un certo punto. Lo faremo firmare anche ai gestori dei locali ai quali questa situazione sta generando mancati incassi. Tante persone più grandi infatti preferiscono non uscire”. Alcuni esempi di episodi di vandalismo: “E’ stato rubato un tavolino su un locale e ritrovato alla Passeggiata. In un altro caso una sedia portata via senza alcun motivo. Credo sia ingiusto che, per colpa di pochi, ci rimettano tutti. Ci sono quattro o cinque punti critici che necessiterebbero di maggiore attenzione”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Muore la padrona e restano "orfani". Due gatti cercano famiglia a Terni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TerniToday è in caricamento