Attualità

Festa della Repubblica a Terni, i luoghi amati riaprono al pubblico: la ripartenza segnata dalle normative anticontagio

Da domani via libera all’area archeologica di Carsuale mentre il 6 giugno è attesa la riapertura di Narni Sotterranea

foto di repertorio

Un nuovo piccolo tassello si aggiunge al puzzle delle bellezze del territorio. A partire da domani martedì 2 giugno sarà possibile accedere all’area archeologica di Carsuale, uno dei fiori all’occhiello del turismo di casa nostra. Un via libera che si computa a quelli già annunciati per la Cascata delle Marmore (29 maggio) e Museo archeologico ‘Giontella’ e il ‘De Felice’ al Caos (30 maggio). Inoltre, il prossimo 6 giugno, sarà possibile tornare a visitare ‘Narni sotterranea’ dopo un intenso lavoro volto a garantire la sicurezza dei visitatori.

Le normative ed i luoghi del cuore

Sarà una festività unica nel suo genere. Rispetto a quelle precedenti - Pasqua e Pasquetta, Liberazione e 1 maggio – non ci sono più limitazioni negli spostamenti all’interno della regione. Tuttavia occorrerà attendere mercoledì 3 giugno per poter varcare liberamente i confini. Occasione dunque ghiotta, in attesa di rivedere il mare, di capitalizzare al massimo le occasioni che il territorio offre. Dalle sponde del Lago Piediluco, già divenute mete ambite nei week end post riapertura, fino agli splendidi borghi circostanti senza dimenticare i prati di Stroncone e le passeggiate sulla montagna della Croce o in direzione Sant’Erasmo.

Naturalmente per chi resterà in città la possibilità di poter accedere ai parchi cittadini e alle aree giochi dedicate ai più piccoli. La novità, rispetto agli anni precedenti, è piuttosto nota. Distanziamento sociale onde evitare assembramenti, dispositivi di sicurezza da utilizzare con criterio e senso di responsabilità da mettere in pratica.  

Nuova illuminazione al monumento dei caduti

L’amministrazione comunale - tramite ASM Terni - ha voluto rendere un omaggio particolare alla città. Dalla sera di martedì 2 giugno il complesso del Monumento ai Caduti sarà infatti illuminato con un nuovo impianto luci che si accenderanno subito dopo il tramonto. Le luci si accenderanno intorno alle ventuno. Tuttavia a causa delle limitazioni e del divieto di assembramento previsto dalla normativa vigente per l'emergenza Covid-19, non sono in programma cerimonie pubbliche. All'accensione saranno presenti il sindaco Leonardo Latini, l’assessore ai lavori pubblici Benedetta Salvati, il presidente di ASM Mirko Menecali e il direttore di Asm Stefano Tirinzi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Festa della Repubblica a Terni, i luoghi amati riaprono al pubblico: la ripartenza segnata dalle normative anticontagio

TerniToday è in caricamento