rotate-mobile
Domenica, 22 Maggio 2022
Attualità

Fondazione Carit per l'Ucraina: l'impegno sul territorio grazie al fondo nazionale stanziato dall'Acri

Il presidente Carlini: "La speranza è che tacciano presto le armi, ora l'urgenza è aiutare la popolazione"

Anche la Fondazione Cassa di Risparmio di Terni e Narni in campo per il popolo ucraino. L'Acri, l’Associazione di Fondazioni e Casse di Risparmio, ha infatti approvato lo stanziamento di due milioni di euro a valere sulle disponibilità del “Fondo Nazionale
Iniziative Comuni” per i primi interventi di emergenza umanitaria, sanitaria e sociale in favore dell'Ucraina. Un fondo a cui partecipa anche la Fondazione Carit che impegnerà la sua quota proporzionale proprio in favore dell’accoglienza dei profughi ucraini in fuga
dalla guerra arrivati nel territorio ternano in questi giorni.
“Come Fondazione Carit - spiega il presidente, il professor Luigi Carlini - aderiamo all’iniziativa nazionale promossa da Acri nella speranza che le armi tacciano e che prevalga al più presto la via del dialogo. Ora è urgente prendersi cura delle donne, dei bambini e degli uomini che fuggono dalla guerra e le Fondazioni di origine bancaria da questo punto di vista sono pronte a mobilitarsi. E lo è anche la Fondazione Carit che farà la propria parte per il territorio di competenza”.
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fondazione Carit per l'Ucraina: l'impegno sul territorio grazie al fondo nazionale stanziato dall'Acri

TerniToday è in caricamento