rotate-mobile
Venerdì, 14 Giugno 2024
Attualità

Terni, una fermata del Frecciarossa in città: il realismo purtroppo supera ogni auspicabile desiderio

Costi e tipologia dell’infrastruttura ferroviaria al centro delle valutazioni e delle attenzioni

Una fermata del Frecciarossa a Terni. Se ne parla da tempo immemore e l’argomento è tornato cruciale, a seguito di interlocuzioni tra il Comune e Ferrovie dello stato. A riportare la notizia è l’edizione di oggi, venerdì 8 settembre, del Corriere dell'Umbria. Il tema è piuttosto importante poiché, al momento, la stazione ternana accoglie essenzialmente InterCity e Frecciabianca, coinvogli che possono raggiungere le destinazioni prestabilite, in tempo ragionevolmente minore rispetto ai tradizionali treni Interregionali.

Occorre fare una doverosa premessa. L’argomento è pertinente quanto corretto da affrontare. La differenza tra i due capoluoghi è sostanziale dato che a Perugia, come è noto, il Frecciarossa può essere utilizzato con partenza dal capoluogo di regione. E Terni? Al momento la fermata più vicina è quella di Orte, per poter saltare sull’alta velocità e fruire di un servizio divenuto ormai imprescindibile per comodità e velocità nel raggiungere le mete di destinazione.

Ci sono due muri che, al momento, appaiono invalicabili. In primo luogo gli alti costi per richiedere il servizio. In secondo la tipologia di infrastruttura ferroviaria che non favorisce lo sviluppo dell’alta velocità. Il primo punto è collegato al secondo. L’unica possibile soluzione, come peraltro è stato fatto per Perugia, è arretrare la partenza di un Frecciarossa da Terni per poi direzionarlo verso Orte e proseguire sulla linea ad alta velocità.

Pensare ad un convoglio del genere, sulla linea lenta Terni-Giuncano-Spoleto, è abbastanza utopistico. L’iniziale pendenza, nel raggiungere la frazione, il percorso tortuoso ed il binario unico sono alquanto penalizzanti per un treno che può toccare i trecento chilometri orari, se messo nelle condizioni di farlo. In tal senso il raddoppio della Orte-Falconara potrebbe diventare la soluzione definitiva al problema, basterebbe mettere a terra il progetto. A tutto ciò vanno sommati i costi per la fruizione del servizio.

A stretto giro, intanto, si potrebbe trovare una soluzione per i tanti pendolari costretti ad arrivare o ripartire da Roma Termini e raggiungere o salpare dal binario est. Un tragitto ulteriore da fare che arreca disagi ai singoli viaggiatori. Anche in questo caso se ne parla da tempo immemore ma non si è mai riusciti a trovare una quadra.   

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Terni, una fermata del Frecciarossa in città: il realismo purtroppo supera ogni auspicabile desiderio

TerniToday è in caricamento