“Fuori fuoco”, il carcere visto da dietro le sbarre: "Tutti abbiamo il diritto di essere riabilitati

Presentato alla Camera il docufilm realizzato dai detenuti della casa circondariale di Sabbione. La direttrice Pellegrini: abbiamo infranto un tabù

Un fotogramma del film

Le telecamere da strumento di controllo sono diventate uno strumento per riprendere liberamente. E far vedere il carcere da dietro le sbarre.

“Fuori fuoco” è il film realizzato da sei detenuti del carcere di vocabolo Sabbione – con la supervisione di Oreste Crisostomi – che ieri è stato proiettato alla Camera dei deputati, alla presenza del presidente Roberto Fico.

“A Terni – ha spiegato Chiara Pellegrini, direttrice della casa circondariale – non facciamo intrattenimento ma preferiamo orientare le risorse su progetti nei quali i detenuti possano dire qualcosa”. Così è nata l’idea di un film. “Così – continua Pellegrini – abbiamo infranto un tabù. Così abbiamo restituito ai detenuti la responsabilità dell’immagine di se stessi”. Anche col rischio di raccontare “’un’esperienza di non vita”. “Ma non c’è stato nessun taglio o censura”, precisa la direttrice.

L'iniziativa è stata promossa dal deputato umbro del Pd Walter Verini ed ha visto anche la presenza della vicepresidente del Senato, Anna Rossomando e di diversi parlamentari. Anche Terni era rappresentata ai massimi livelli con il sindaco Leonardo Latini, il vicepresidente della Regione Fabio Paparelli, il prefetto Paolo De Biagi.

“Non è stato facile – racconta Thomas Fischer, uno dei detenuti-registi – Sono 11 anni che sono in carcere, ho sempre fatto una vita omertosa, al di fuori della legalità. Però così possiamo testimoniare che una possibilità c’è”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Siamo passati dall’essere sorvegliati a sorvegliare – ha raccontato Erminio Colanero, un altro detenuto-regista – C’è chi dice che la civiltà di un Paese si misura dalla condizione delle sue carceri. Bene, allora oggi io posso dire questo: tutti possono sbagliare. Ma tutti noi abbiamo il diritto di essere riabilitati”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: “Siamo a Terni e non in qualche paese lontano da noi”. La foto scattata all’ospedale fa il giro del web

  • Nuova ordinanza restrittiva: “Chiusura domenicale dei centri commerciali e attività di vendita. Limitazioni per cerimonie e stop allo sport”

  • Coronavirus, prove tecniche di un nuovo lockdown. E a Terni tornano le file ai supermercati

  • La protesta a Terni contro le restrizioni del DPCM. Il corteo da piazza Tacito a Palazzo Spada: "Libertà"

  • Coronavirus, sospese le lezioni per un’altra scuola di Terni tranne per una classe: “Una mattinata particolare”

  • "Indossate la mascherina str..zi”: delirio e risate a Radio Deejay. Lo spot in ternano di Francesco Lancia in soccorso del Governo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento