Da giardino pensile a luogo del degrado, un viaggio nel cuore del quartiere Battisti

Le segnalazioni dei residenti e lo stato di abbandono sempre più palpabile. Lo stagno ridotto ad una pozza maleodorante tra erbacce ed immondizia

Una pozza maleodorante a cielo aperto. Si presenta così il giardino pensile di piazza delle Arti, nel cuore della città di Terni. Realizzato nel 2006 ed intitolato a Rosanna Tenani Ardini, si estende su una superficie di 640 metri quadri. A distanza di oltre dodici anni però il degrado e lo stato di abbandono sono sempre più palpabili.

Oggi come in passato, se ne sono occupati i residenti, infervorando il dibattito politico. Lo sottolineò infatti l’attuale assessore Marco Cecconi, nel 2016, in un suo intervento riguardante il quartiere Battisti: ”Un giardino realizzato con un bellissimo roseto, uno stagno con ninfee e essenze arboree particolari, oggi ridotto in condizioni pietose”.

Da allora, la situazione non è affatto migliorata. Anzi. Lo stagno è ridotto ad una pozza maleodorante, erbacce ed immondizia imperversano davanti agli occhi dei piccoli della scuola primaria. A seguito delle segnalazioni giunte alla nostra redazione, abbiamo fatto un giro fotografico documentando come si presenta al momento.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fiori d’arancio per Samanta Togni, il “sì” a Narni il 15 febbraio: ecco le pubblicazioni di matrimonio

  • Incidente stradale, muore dopo un violento schianto contro un albero

  • Cospea Village, via libera al secondo piano: più negozi e nuovi posti di lavoro

  • Inquinamento a Terni: “Leucemie, linfomi, tumori, melanomi: eccesso di morti per tutte le cause”

  • Lutto nella medicina sportiva ternana: è scomparso Italo Pieramati

  • Dramma sfiorato, camion perde le ruote che finiscono contro un'auto

Torna su
TerniToday è in caricamento