rotate-mobile
Domenica, 22 Maggio 2022
Attualità

Giornata Mondiale dei Poveri, il vescovo Giuseppe Piemontese serve il pranzo: “Povertà non solo come carenza di beni materiali”

Le parole del vescovo nel corso della giornata: “Non viviamo da soli, siamo esseri socievoli che vivono la loro esperienza umana in comunione”

Una iniziativa fortemente voluta da Papa Francesco, giunta alla sua quinta edizione. La comunità diocesana ha celebrato la Giornata Mondiale dei Poveri volta a sollecitare ad incontrare la povertà, nelle varie accezioni, in cui nel mondo moderno si manifestano e tendere la mano verso chi è più bisognoso. Nel corso della giornata di oggi, domenica 14 novembre, dapprima la santa messa presieduta dal vescovo Giuseppe Piemontese nella chiesa di Santa Maria della Visitazione al quartiere San Martino. Successivamente un momento di dialogo e agape fraterna, presso i locali della mensa San Valentino della Caritas diocesana - associazione di volontariato San Martino, dove quotidianamente tante persone bisognose possono avere un pasto caldo ed accoglienza.

“Non viviamo da soli, siamo esseri socievoli che vivono la loro esperienza umana in comunione – ha affermato Giuseppe Piemontese - un elemento distintivo della chiesa che deve raggiungere la pienezza nell’attenzione verso coloro che sono meno fortunati o poveri. Tutti noi siamo poveri, poi ci sono coloro che vivono condizione più pesante di miseria e coloro che vivono nel degrado. Il discorso sulla povertà è più ampio, non è solo carenza di beni materiali per una vita dignitosa, ma c’è la povertà spirituale, la povertà culturale delle persone non istruite, non cresciute nella conoscenza del mondo e della realtà, la povertà morale diffusissima oggi. In tutto questo la misericordia dei cristiani è il nostro relazionarci con le persone nella condizione in cui sono per elevarci reciprocamente. Come ha detto papa Francesco “è tempo che si aprono gli occhi per vedere lo stato di disuguaglianza in cui le persone vivono, scandalizzarsi di fronte alla fame dei bambini, scandalizzarsi per la mancanza di lavoro, per la violenza sulle donne, per rompere il cerchio dell'indifferenza e aprirsi al dialogo e la comunione”

Al termine nel giardino della mensa San Valentino si è tenuto l’incontro del vescovo Piemontese, del direttore della Caritas diocesana padre Stefano Tondelli con la direttrice della mensa Fernanda Scimmi e alcuni volontari e famiglie. Particolari le loro storie che raccontano di come la mensa sia un luogo d’incontro e di accoglienza, non solo per ricevere un pasto caldo, ma per sentirsi in famiglia. È questo infatti l’aspetto che ha sempre caratterizzato il servizio ai poveri in mensa, dove molte persone che sono arrivate per chiedere un aiuto perché erano in un particolare momento di bisogno, si sono a loro volta messe al servizio di altre persone in una sorta di catena di solidarietà dai tanti anelli con le diverse sfaccettature. Pensionati ed ex operai, disoccupati, anziani soli e giovani hanno raccontato questa loro esperienza di amore, dono, servizio e amicizia verso tutti. All’interno della mensa, infine, il pranzo preparato dalle volontarie del servizio cucina e servito ai dodici commensali presenti dal vescovo Piemontese che ha portato i vassoi con le varie pietanze dall’antipasto al dolce. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giornata Mondiale dei Poveri, il vescovo Giuseppe Piemontese serve il pranzo: “Povertà non solo come carenza di beni materiali”

TerniToday è in caricamento