rotate-mobile
Giovedì, 2 Febbraio 2023
Attualità

Giovane professionista ternana: “Creare la gentilezza della volpe aiutando il prossimo nei momenti di difficoltà”

Il racconto di Beatrice Contili protagonista dell’evento che si svolgerà nel pomeriggio di oggi, venerdì 18 marzo negli spazi del Bloom

Una pratica denominata mindfulness, le numerose esperienze pregresse alle spalle, nonostante la giovane età e l’evento che si svolgerà oggi pomeriggio, venerdì 18 marzo (ore 19), negli spazi del Bloom spazio condiviso. Alla redazione di www.ternitoday.it è intervenuta Beatrice Contili che racconta la propria attività di counselor, sviluppata sotto ulteriori molteplici sfaccettature, dettate da studi ed approfondimenti.

“Ho trascorso un periodo buio della mia adolescenza, rivolgendomi successivamente ad un counselor risultata poi fondamentale nello scoprire l’importanza di vivere appieno la vita. Ringraziandola di tale dono, anche per gratitudine, decisi di cimentarmi in questo percorso, portato avanti con grande passione.”

Una breve presentazione di Beatrice: “Sono un’educatrice professionale, counselor ed istruttrice certificata di mindfulness ossia una pratica di consapevolezza, proponendo il Mbsr ossia un protocollo specifico per la gestione dell’ansia e dello stress, seguendo un approccio laico. Ho acquisito un master nel codificare e decodificare il linguaggio non verbale. Ho lavorando anche in alcune case famiglia e ludoteche dando vita, nel corso del 2020, al progetto Gentilezza della volpe che tende ad aiutare le persone le quali si sentono disorientate, soprattutto in questo periodo così complesso caratterizzato dalla pandemia. In certi frangenti – afferma la professionista – è difficile recuperare autostima e riprendere in mano la gestione della routine, in ambito familiare”.

La particolare scelta della volpe: “Detiene due particolari peculiarità. Ha una grandissima coda che rappresenta l’elemento femminile e le consente di fare cambi repentini di direzione, senza perdere l’orientamento. L’obiettivo è quello di contattare quella parte meno schematica di ogni singolo individuo e recuperare la parte creativa, propedeutica ad orientarsi. Inoltre la volpe si avvolge con la coda e mantiene il calore corporeo. La capacità di autoproteggersi, prendersi cura di sé stessi è l’altro elemento preponderante, da far emergere”.

Risulta determinante l’approccio, a tale pratica di consapevolezza: “La curiosità non giudicante di quello che avviene. Osservare l’emozione primaria ovvero ciò che si sente nel momento in cui viene vissuta. Riuscire a dare un nome alle emozioni provate, accoglierle in maniera non giudicante senza affezionarsi”. Ulteriore particolarità: “Le emozioni possono essere catalogate in funzionali e disfunzionali e servono per progredire, rispetto al messaggio inviato. Uno spazio tra quella provata e la reazione messa in atto. In sostanza – precisa – verificare l’effetto che provoca e cosa è possibile imparare da ciò”.

I principali destinatari: “Una mamma ritrovatasi in smart working ha la necessità di riorganizzare la quotidianità, ad esempio nell’accudire il proprio bimbo. Ci sono uomini rimasti soddisfatti poiché hanno seguito di un percorso di consapevolezza, fuori da ogni giudizio e manipolazione dei pensieri. Tutto ciò avviene sempre in modo curioso ed aperto, andando a ricontattare quell’isola di pace. Un flusso di energia positiva da diffondere e trasmettere al prossimo, migliorando la qualità della vita. L’idea di creare la gentilezza della volpe in ognuno mediante una pace interiore, estesa anche a livello familiare e sociale”. 

Cosa attende i partecipanti all’evento del Bloom: “Un aperitivo esperienziale. Sarà possibile accedere in coppia, non necessariamente comunque con il partner. È infatti possibile portare una persona speciale della propria vita (anche un parente, un amico, un genitore ndr) ritagliandosi un momento, senza pensare ad altro. All’entrata sarà presente un barattolo con dei biscotti della fortuna, fatti di cartone e verranno proposte delle attività”. Non svelando ulteriori dettagli sull’iniziativa c’è da aggiungere che Beatrice sarà protagonista di un ulteriore evento, il quale si distribuirà su otto appuntamenti, una volta a settimana, calendarizzati di sabato (dalle 10 alle 12).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giovane professionista ternana: “Creare la gentilezza della volpe aiutando il prossimo nei momenti di difficoltà”

TerniToday è in caricamento