rotate-mobile
Attualità

Terni, Marco Iapadre: “Il regolamento edilizio si aggiorna dopo tredici anni”

Intervento dell’assessore dopo l’approvazione in giunta: “Era dal 2010 che non si metteva mano all’allegato 1, documento molto rilevante del regolamento edilizio”

La giunta comunale ha approvato e pubblicato le modifiche al regolamento edilizio comunale fermo da oltre dieci anni. Un aggiornamento che prende atto di tutte le modifiche normative e che riguarda in particolare l'allegato 1 che ora costituisce una raccolta sistematica della disciplina sopravvenuta in ambito edilizio e descrive dettagliatamente gli interventi e i relativi titoli edilizi, la documentazione necessaria, le specificazioni tecniche per l’utilizzo del portale telematico, la documentazione per le istanze paesaggistiche, le certificazioni, le volture e proroghe. 

Fornisce inoltre un quadro specifico con la disciplina del contributo di costruzione e le modalità di calcolo, eventuali scomputi e monetizzazioni, rateizzazioni, pareri per interventi nel centro storico, indica la disciplina di riferimento sull’esecuzione dei lavori, la documentazione a corredo dei piani attuativi, la definizione dei procedimenti relativi ai piani attuativi SUAP, agli interventi edilizi diretti con convenzione o atto unilaterale d’obbligo.  Nell’ambito della revisione trovano spazio anche gli aspetti regolatori a supporto dei procedimenti che riguardano le attività produttive e residenziali per l’attuazione delle opere di urbanizzazione di piani attuativi SUAP e permessi di costruire convenzionati con atti unilaterali d’obbligo che integrino aspetti della normativa regionale e nazionale non sufficientemente armonizzati e creino le condizioni per una chiara, definita e rapida attuazione degli interventi edificatori.

A margine delle modifiche al regolamento l’assessore all’urbanistica Marco Iapadre ha dichiarato: “Era dal 2010 che non si metteva mano all’allegato 1, documento molto rilevante del regolamento edilizio una revisione che è stato partecipata con gli ordini professionali e associazioni di categoria soprattutto per le parti di carattere ricognitivo con riguardo all’armonizzazione con le disposizioni sopravvenute. Dovrà essere avviato un processo di ulteriore confronto per le restanti parti più innovative da sottoporre poi al Consiglio Comunale nella revisione del Regolamento Edilizio vero e proprio”.

Ed ancora: “Mi preme evidenziare che, oltre alla necessaria e dovuta ricognizione normativa, sono state inserite sia disposizioni finalizzate alla tutela del territorio in termini di decoro e sicurezza sia, soprattutto, è stata innovata la regolamentazione relativa alle garanzie fidejussorie, al fine di garantire a tutela della città l’effettiva realizzazione delle opere di urbanizzazione previste dalle convenzioni. Queste infatti, quando non realizzate dalle ditte attuatrici, hanno troppo spesso comportato un peso economico non sostenibile per l’ente, rimanendo a volte addirittura incompiute”. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Terni, Marco Iapadre: “Il regolamento edilizio si aggiorna dopo tredici anni”

TerniToday è in caricamento