rotate-mobile
Sabato, 22 Gennaio 2022
Attualità

Vittime del terremoto, Covid e non solo: le armonie dei "sacri bronzi" per valorizzare i diritti umani

Il gruppo campanari di Arrone aderisce per il dodicesimo anno all’iniziativa “Suoniamo i campanili d’Europa per sostenere i diritti umani”. Antonelli: “Sono invitati a partecipare anche i parroci e le diocesi”

In occasione della Giornata mondiale dei diritti umani, il gruppo campanari di Arrone con il sostegno della Federazione nazionale suonatori di campane, promuove per il dodicesimo anno consecutivo l’iniziativa “Suoniamo i campanili d’Europa per sostenere i diritti umani”.                                                                                       

Considerato il crescente successo avuto nelle passate edizioni, quando campanili da tutta Italia, dalla Spagna e dall’Inghilterra hanno suonato in contemporanea, torna l’iniziativa con l’auspicio che “continui questo trend positivo con una partecipazione ancor più numerosa”, dice Tullio Antonelli, presidente del gruppo campanari di Arrone.

“Come di consueto, rivolgeremo un pensiero ed un augurio di pronta rinascita alle zone colpite dal sisma. Inoltre rivolgeremo anche un pensiero ed una preghiera a tutti i malati di Covid19 e a tutti coloro che a causa del virus hanno perduto persone care ed il lavoro, consapevoli che mai come ora occorre un messaggio di speranza per richiamare con forza l’attenzione per il rispetto dei diritti umani. Così vogliamo rinnovare l’invito ad unirvi a noi e magari a divulgare il messaggio ad altre parrocchie, comunità e così via in ogni modo (web, telefono, social etc...). Sono invitati a partecipare anche i parroci e le diocesi”.

L'impegno prevede un’esecuzione (suonata a festa o qualsiasi cosa preferiate) da effettuarsi la sera del 10 Dicembre 2021 alle 20. Lo scopo è quello di divulgare e sostenere il valore dei diritti umani tramite le armonie dei sacri bronzi”, aggiunge Antonelli.

“Come di consueto, non abbiamo chiesto patrocini istituzionali in quanto riteniamo che per gli scopi umanitari occorre solo la concreta partecipazione delle persone, motivata e sentita. Crediamo che i miglioramenti della società avvengono grazie agli uomini che insieme condividono uno scopo perseguendolo con impegno, dignità e serietà. Questa deve essere la forza del nostro invito e del messaggio che intendiamo divulgare”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vittime del terremoto, Covid e non solo: le armonie dei "sacri bronzi" per valorizzare i diritti umani

TerniToday è in caricamento