rotate-mobile
Attualità

"Hai fatto bene il tuo lavoro ma sono cambiati gli orientamenti". Il SII non rinnova la collaborazione con lo storico addetto stampa

La vicenda è stata stigmatizzata dall'ordine dei giornalisti e dal sindacato della stampa umbra che ha accusato l'azienda a partecipazione pubblica di aver trattato il professionista in un modo irrispettoso, generando un danno di immagine al giornalista

Purtroppo la vicenda sembra ricalcare una casistica consolidata che tocca direttamente la categoria dei giornalisti. In questo caso si tratta dello storico addetto stampa del Servizio Idrico Integrato che per oltre 10 anni ha curato la relazione con i colleghi redattori e i mezzi di comunicazione locali per conto dell'azienda.

Un rapporto di collaborazione che si è interrotto bruscamente, a seguito dei "nuovi orientamenti" del neo eletto board del SII che, evidentemente, non ha ritenuto opportuno rinnovare il rapporto di lavoro. Sul caso si sono pronunciati congiuntamente l'Ordine dei giornalisti dell'Umbria e il Sindacato stampa umbra che, con una nota, hanno stigmatizzato le modalità decisamente "poco rispettose" con le quali si è dissolta la collaborazione.

"Apprendiamo con rammarico, amarezza e preoccupazione - scivono dall'Odg e Asu - la notizia riguardante il mancato rinnovo dell’incarico di addetto stampa a un giornalista professionista da parte del Servizio Idrico Integrato di Terni.

All’addetto stampa in questione è stata annunciata verbalmente l’intenzione dei responsabili del Servizio Idrico di interrompere il contratto di collaborazione in scadenza 31 dicembre 2020, con una motivazione che, a quanto risulta, risiederebbe addirittura nel mutato orientamento della società.

Al collega è stato reso noto che sarebbe stato avvicendato, senza specificare criteri e modalità di reclutamento del sostituto.Tale decisione è stata confermata formalmente da una lettera ricevuta dal giornalista e scritta dal presidente della società nella quale si fa riferimento alla scelta fatta “anche in ragione dei recenti noti sviluppi”.Nella lettera si aggiunge che non esiste “nessuna penalizzazione” per l’operato del giornalista che, a detta del presidente, “risulta essere stato in tutti questi anni sempre rispondente alle aspettative della società ed aderente alle pattuizioni sottoscritte”.

Tali affermazioni, rapportate alla scelta di non rinnovare l’incarico, lasciano stupefatti, costringendoci a denunciare una condotta ingiustificata, anche tenendo conto della maggioranza pubblica dell’azionariato della società, e a reagire a quella che consideriamo una offesa all’intera categoria giornalistica.

E’ doveroso precisare, infatti, che i giornalisti non sono a servizio della politica o del gruppo di potere del momento, ma esercitano la propria professione tenendo fede solo ed esclusivamente alle carte deontologiche e all’etica professionale, con l’autonomia richiesta dal servizio corretto all’informazione.

Mentre chiediamo di intavolare un dialogo costruttivo con gli organi rappresentativi della categoria, ci corre l’obbligo di sollecitare in ogni caso un incontro per chiarire la vicenda, con particolare riferimento alle motivazioni della scelta, alla specificazione della natura dei “mutati orientamenti” e dei “noti sviluppi” a cui si fa riferimento, ma - conclude la nota - anche alla rappresentazione dei criteri e delle modalità di reclutamento che si intendono mettere in atto per il nuovo addetto stampa".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Hai fatto bene il tuo lavoro ma sono cambiati gli orientamenti". Il SII non rinnova la collaborazione con lo storico addetto stampa

TerniToday è in caricamento