Hiv, 250 casi a Terni e oltre mille a Perugia

Dal 'Notiziario dell'Istituto Superiore di Sanità' si apprende che in Umbria dal 2010 al 2017 sono state diagnosticate 452 infezioni; al 2017 risultano infette 6,7 persone ogni 100000 residenti

I numeri dei nuovi casi di Hiv, il virus dell'immunodeficienza umana principalmente trasmesso per via sessuale o ematica, sono in crescita in Umbria come a livello nazionale. Ad oggi duecentocinquanta circa i casi a Terni e oltre mille a Perugia, «complici il buio, gli stereotipi e la banalizzazione del problema».

Dal Notiziario dell'Istituto Superiore di Sanità sappiamo che in Umbria dal 2010 al 2017 sono state diagnosticate 452 infezioni; al 2017 risultano infette 6,7 persone ogni 100000 residenti. L'incidenza più alta si ha nella fascia d'età compresa tra i 25 e i 29 anni e l'età media di chi è stato contagiato, che è di 39 anni per gli uomini, si abbassa a 36 per le donne.

Alcuni casi sono stati eclatanti, come quello Claudio Pinti, l'«untore di Ancona», e Valentino Talluto, condannato a 24 anni per aver contagiato le donne con cui ebbe rapporti non protetti pur sapendo di essere sieropositivo. Ma tanti casi restano sottotraccia, non vengono denunciati. Il silenzio su questo argomento è stato rotto da «Dietro le quinte», il libro a cura dell'associazione Spazio Bianco edito da Cesvol e presentato a Terni nei giorni scorsi. Durante l'incontro, attraverso le testimonianze di vita di persone sieropositive, riportate con forza e coraggio, i relatori, tra cui Titina Ciccone presidente di Spazio Bianco e Roberto Desi di Esedomani, hanno voluto condividere le esperienze di quei «pazienti senza voce e senza volto», doppiamente vittime: del virus e della stigmatizzazione sociale. E, in alcuni casi, dei tradimenti dei loro compagni. Delle sedici storie raccolte nel libro ben due parlano di queste donne, vittime invisibili della loro stessa fiducia

 

C'è un femminicidio silenzioso che si consuma tra le mura domestiche ma non viene denunciato. E' il femminicidio delle mogli, delle fidanzate, delle compagne che vengono infettate del virus dell'Hiv, che diventano sieropositive, senza saperlo e spesso rendendosene conto tardi, dai compagni, dai mariti. Uomini che le hanno tradite e poi non hanno avuto il coraggio di guardare in faccia alla realtà.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: “Siamo a Terni e non in qualche paese lontano da noi”. La foto scattata all’ospedale fa il giro del web

  • Risse per le strade di Terni e assembramenti in centro. Con il dpcm non cambia la musica

  • Terni a luci rosse, “lucciole” e trans venduti come schiavi del sesso: ecco l’operazione Doña Claudia

  • Arriva il dpcm di Conte, ma è scontro con le regioni. La Tesei pensa a un'ordinanza restrittiva

  • Addio a Maria Chiara. Mons. Piemontese: "Non esiste un'app "Immuni" per la droga. La felicità è altrove"

  • "Sognava di diventare medico". Gli amici e le istituzioni ricordano Maria Chiara. Oggi l'autopsia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento