rotate-mobile
Martedì, 7 Dicembre 2021
Attualità Centro

Via al progetto Hydrogen Valley: primo step da sette milioni

Il consiglio comunale approva la richiesta di finanziamento al ministero per le politiche di trasporto sostenibile

Sette milioni di euro per dare vita al progetto Hydrogen Valley: il consiglio comunale approva la delibera con cui il Comune chiede i fondi al ministero delle Infrastrutture e della mobilità sostenibile. L’atto è passato con 20 voti a favore e 11 astenuti. Il finanziamento, se accettato, sarà spalmato su tre anni.   

Il comune di Terni, infatti, in quanto capoluogo di provincia ad alto inquinamento di Pm10, è stato individuato dal ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti quale destinatario dei fondi che dovranno essere impiegati per dare impulso, attraverso il progetto Hydra, allo sviluppo della mobilità alimentata a idrogeno rinnovando il parco autobus del trasporto pubblico locale con nuovi mezzi a basso impatto ambientale e realizzando le necessarie infrastrutture a servizio.

Il consiglio ha anche approvato la modifica al Piano Triennale dei Lavori Pubblici per inserire la realizzazione dell’infrastruttura di stoccaggio e distribuzione nell’elenco annuale delle opere pubbliche. 

“Il progetto alla base - spiega l’assessore all’ambiente Benedetta Salvati - dell’attuale finanziamento ministeriale trova fondamento nella presenza all’interno del polo siderurgico dell’Ast di uno dei pochi siti nazionali per la produzione di idrogeno in grandi volumi e si sviluppa sulla base di un protocollo di intesa tra il Comune di Terni, Acciai Speciali Terni, Atc & Partners Mobilità e Busitalia. Il progetto, che prevede l’utilizzo del surplus di idrogeno prodotto da Ast per il rifornimento dei bus del trasporto pubblico, si articola in diverse fasi. La fase uno, finanziata con fondi ministeriali, consiste nella realizzazione della prima stazione di rifornimento e nell’acquisizione dei primi 10 autobus a idrogeno per il Tpl e sarà realizzata tra il 2021 e il 2023. Le fasi due e tre prevedono, a partire dal 2023, l’estensione della stazione di rifornimento al trasporto privato, l’ampliamento del parco auto a idrogeno e il potenziamento della rete di approvvigionamento”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Via al progetto Hydrogen Valley: primo step da sette milioni

TerniToday è in caricamento