rotate-mobile
Attualità

Il cartello con il limite di altezza girato per i fatti suoi. Ecco perché il tir si è incastrato nel sottopassaggio di via Battisti

Spiegato il "rebus" del bizzarro intoppo del tir che ieri, 18 maggio, si era incastrato nel sottopassaggio di viale Battisti mandando in tilt il traffico

La domanda fra gli automobilisti e i lettori di Terni Today è stata più o meno la stessa: "Ma come è stato possibile?". Come il conducente di un tir di quelle dimensioni potesse pensare di prendere la strada del sottopassaggio di viale Battisti e sperare di uscirne indenne? Ebbene, la risposta, suggerita da un lettore del nostro giornale potrebbe essere plausibile.

Infatti, la segnalazione del limiti di altezza dei veicoli che possono accedere al sottopassaggio (3 metri e 80 centimetri) è girata in direzione opposta rispetto alla visuale degli automobilisti, in grado di leggere solamente la misura massima della larghezza del mezzo.

Una piccola distrazione e il gioco è fatto. "La cosa assurda - dice il lettore di Terni Today - è che ieri, dopo l'incidente, nessuno fra gli addetti ai lavori si è preso la briga di riposizionare correttamente il cartello". Chi può, o chi deve, faccia qualcosa. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il cartello con il limite di altezza girato per i fatti suoi. Ecco perché il tir si è incastrato nel sottopassaggio di via Battisti

TerniToday è in caricamento