Il Santa Maria di Terni pronto ad aumentare l'attività diagnostica molecolare e sierologica contro il Covid-19

L'azienda ospedaliera di Terni predispone un piano di prevenzione contro una eventuale ondata di ritorno del coronavirus. Test a tappeto e predisposizione di specifiche funzionalità in ospedale.

La tendenza è quella di ritenere ormai terminata l'emergenza da coronavirus. A livello epidemiologico, effettivamente, la situazione sembra essere sotto controllo ma non si può abbassare la guardia e l'Umbria si sta orientando verso un percorso di prevenzione contro una possibile ondata di ritorno. In particolare, l'azienda ospedaliera di Terni, in linea con le strategie regionali per la fase 3, è già pronta ad aumentare l'attività di diagnosi rispondendo alle esigenze interne dell'ospedale e alle crescenti richieste del territorio. 

Una "task force" per la diagnostica anti-covid

La capacità potenziale delle attività di screening da mettere in atto può arrivare alla somministrazione di 400 test giornalieri. Il laboratorio di biologia molecolare di Terni è ora in grado di raddoppiare l'attività di diagnostica molecolare, che rimane il gold standard per definire la situazione di infezione in atto e la contagiosità, cui si aggiungerà la diagnostica sierologica, effettuata direttamente dal laboratorio analisi, utile in questa fase per conoscere la diffusione del virus nella popolazione.

“La Regione ha aumentato i controlli per individuare i positivi asintomatici e per avviare le indagini siero-epidemiologiche - spiega il dottor Augusto Scaccetti, direttore del  dipartimento di diagnostica di laboratorio ed immunotrasfusionale -  e questo comporta che per il territorio andremo ad eseguire un numero maggiore di tamponi, che finora si attestavano sui 50-60 al giorno. Solo per la Usl Umbria 2 e per la Prefettura in questi giorni arriveremo ad eseguire fino a 100 tamponi quotidiani e in ogni caso, se ce ne fosse la necessità, siamo pronti per aumentare l'attività fino a una capacità di 400 campioni per rispondere alle esigenze sia del territorio sia dell'ospedale. Inoltre la diagnostica molecolare sarà presto integrata con la diagnostica sierologica: in questo caso i prelievi sierologici, effettuati contestualmente ai tamponi, saranno analizzati direttamente dal laboratorio analisi cliniche".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per quanto riguarda la sorveglianza in ospedale "il prelievo per l’esecuzione del test sierologico (CLIA e/o ELISA) sarà effettuato contestualmente al tampone molecolare - spiega il dottor Michele Palumbo, direttore della clinica di malattie infettive  -  per un controllo combinato e contestuale, ma con valutazione differenziata, che interessa tutti i pazienti: sia quelli che accedono in urgenza dal pronto soccorso sia in caso di ricovero programmato (non più di 72 ore prima del ricovero). Inoltre prosegue anche la sorveglianza del personale sanitario, dell'ospedale e del territorio, sia per il  rischio professionale, in termini di esposizione al rischio infettivo o a cariche virali elevate, sia per la necessità di preservare i malati fragili assistiti. Anche lo screening  sui lavoratori sanitari prevede un controllo di tipo molecolare e sierologico che è mensile per gli operatori a più basso rischio di contagio e quindicinale per gli  operatori a più alto rischio per area di attività o tipologia di assistenza”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bonus prima casa, fino a quarantamila euro a fondo perduto: c'è il bando, domande fino al 15 ottobre

  • Lugnano, un'edicola acquistata da un mese già rischia di chiudere: "Mi avevano detto che era tutto a posto"

  • Rissa in pieno centro a Terni tra lo stupore dei passanti, giovane trasportato all’ospedale

  • Chiude storica attività commerciale di Terni: “Un punto di ritrovo per i tifosi e i frequentatori del mercatino”

  • Flavio e Gianluca, la “lezione” non è servita. E il metadone di Terni continua a fare “vittime”

  • Pomeriggio da incubo in zona stazione di Terni: fugge dai controlli e ne nasce un parapiglia sotto gli occhi dei presenti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento