Mercoledì, 17 Luglio 2024
Attualità

Terni, la figura leggendaria della imperatrice Sissi: “La missione è rivalutare il personaggio storico restituendone dignità”

Una nuova opera per Valerio Vitantoni che ha pubblicato recentemente il saggio storico ‘L’imperatrice Sissi a Madeira’

Una figura leggendaria narrata (anche) nella trilogia di film, che hanno segnato la storia del cinema internazionale. La principessa Sissi rivive nelle opere di Valerio Vitantoni, uno dei massimi esperti italiani di Elisabetta d’Austria e di Ludwig II di Baviera e studioso di storia dell’Ottocento. Recentemente ha pubblicato il suo terzo saggio storico denominato L’imperatrice Sissi a Madeira che ripercorre le tappe di quel viaggio tanto rilevante e del secondo che fece nuovamente a Funchal nell’inverno 1893-94.

Soggiorni mai indagati storicamente e che per la prima volta, tra giornali in lingua tedesca e portoghese, memoriali e lettere della famiglia imperiale, vengono narrati ricostruendo le giornate di Sissi tra bagni in mare, escursioni sulle montagne, cavalcate sulle spiagge, passeggiate nei punti più pittoreschi dell’arcipelago di Madeira che tanto la incantò.

Alla nostra redazione di www.ternitoday.it Valerio Vitantoni racconta la sua particolare predilezione per quel periodo storico: “Ho frequentato l’istituto d’Arte a Terni, dove sono cresciuto e vivo (è originario del Lazio ndr). Avevo dieci anni quando mi sono appassionato alle tradizioni ottocentesche e più in particolare della figura di Sissi, anche perché proprio in quell’anno (1998 ndr) ricorrevano i cento anni dalla sua scomparsa ed i media ne diedero ampio risalto. Pertanto oltre a vedere i film iniziai a collezionare libri, biografie che la riguardano direttamente oltre che la sua famiglia”.

Dallo studio dettagliato al primo saggio: “Pubblicato nel corso del 2018 e dedicato ai suoi viaggi in Trentino Alto Adige, una regione al sottoscritto piuttosto cara poiché meta di vacanze. Il ricordo della principessa è ancora vivo in quei posti. Inoltre raggiungendo Vienna e Trieste oltre che la Baviera ho avuto l’opportunità di accrescere ulteriormente le conoscenze, scoprendo tanti miti. Ad esempio – sottolinea l’autore – si parlava di una Sissi anoressica. Tuttavia le testimonianze storiche rivelano il contrario. Inoltre gli abiti neri si utilizzavano per il lutto. La leggenda ci dice che l'imperatrice abbia indossato il nero sino alla fine dei suoi giorni. In realtà gli abiti colorati acquisiti dal Sisi Museum di Vienna rivelano che Elisabetta abbia indossato anche abiti colorati".

Alcuni dettagli del saggio: “Com’era tutto così affascinante a Madeira: la bellezza degli scenari le ricordava le valli boscose e i pascoli della sua amata Baviera, seppur con vista impareggiabile sull’Atlantico, e i panorami dell’Austria dove il “[...] fogliame verde sussurrava parole vivificanti di casa e di amore”. La giovane imperatrice Sissi era una fanciulla introversa. Cercò di ritagliarsi il proprio spazio alla Corte asburgica ma, quando nel 1860 il mondo che aveva cercato di costruirsi a fatica si sgretolò, fuggì a Madeira - complice una presunta malattia quasi mortale. Fu per lei l’inizio di una nuova vita e ritornò a Vienna che era una donna pienamente ristabilita ma completamente diversa, matura, emancipata e sicura di sé.

Un saggio storico che ripercorre le tappe di quel viaggio tanto rilevante e del secondo che ella fece nuovamente a Funchal nell’inverno 1893-94: soggiorni mai indagati storicamente e che per la prima volta, tra giornali in lingua tedesca e portoghese, memoriali e lettere della famiglia imperiale, vengono narrati ricostruendo le giornate di Sissi tra bagni in mare, escursioni sulle montagne, cavalcate sulle spiagge, passeggiate nei punti più pittoreschi dell’arcipelago di Madeira che tanto la incantò. Il libro è acquistabile nelle librerie, anche di Terni. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Terni, la figura leggendaria della imperatrice Sissi: “La missione è rivalutare il personaggio storico restituendone dignità”
TerniToday è in caricamento