rotate-mobile
Venerdì, 20 Maggio 2022
Attualità

Imprenditore ternano: “Da un anno sto cercando nuovi dipendenti. Oltre al grosso danno mi sento scoraggiato”

La testimonianza di Cristian Rivelli de ‘Il Nuovo pizzone’: “Ho messo diversi annunci sia su social che su un portale specializzato senza trovare riscontri positivi”

Un anno è trascorso invano. Eppure Cristian Rivelli de ‘Il Nuovo pizzone’ si è prodigato alacremente, utilizzando i canali consuetudinariamente più utilizzati, per tentare di ampliare la propria attività. Dagli annunci su facebook alle inserzioni su un portale specializzato. Una volta pubblicati i dati dell’Osservatorio provinciale sull’economia ternana, ha fatto notare la situazione inversa che sta vivendo: il lavoro lo sta offrendo ma nessuno ha manifestato un reale interesse.

“Ho inserito degli annunci per ricerche relative a consegne a domicilio e la mansione di pizzaiolo” racconta alla nostra redazione di www.ternitoday.it. “Qualcuno mi ha contattato ma non si è poi presentato al colloquio. Oltre al tempo perso anche un gesto di maleducazione e sottolineo una totale inaffidabilità. C’è chi invece al colloquio ha presenziato ma non mi ha guardato in faccia. Addirittura una persona m’ha detto che avrebbe accettato solo un compenso superiore al reddito di cittadinanza”.

Una percezione generalizzata: “Se ad esempio guardo i commenti sotto i post di facebook conto al massimo quattro-cinque risposte. La sensazione è che anche altre aziende, in questo momento, fatichino a trovare delle persone disposte a lavorare. Personalmente dell’impresa me ne occupo dalla mattina alle 8,30 finché non vado a dormire. Sinceramente quando constati inaffidabilità ed anche maleducazione sale lo sconforto. Alla fine – osserva Cristian – l’intento è quello di offrire un lavoro regolarmente remunerato conformandomi a tutte le normative contrattualistiche. Basterebbe dire non sono interessato, anche perché è capitato a tutti rifiutare delle offerte di lavoro”.

Il danno arrecato: “Avevo intenzione di fornire un nuovo servizio relativo alla vendita delle pizzette, dalla mezzanotte alle cinque. Purtroppo se non c’è nessuno che si occupa di tutto ciò, in tale lasso di tempo, è impossibile mettere a punto l’idea”. Infine una riflessione: “Ho iniziato a lavorare a sedici anni e non vedo lo stesso interesse che c’era prima per il mondo del lavoro, detenuto dalle generazioni precedenti”. Scoraggiato ma altrettanto determinato: “La ricerca di personale prosegue poiché ho tutto il desiderio di ampliare l’attività”.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Imprenditore ternano: “Da un anno sto cercando nuovi dipendenti. Oltre al grosso danno mi sento scoraggiato”

TerniToday è in caricamento