rotate-mobile
Martedì, 17 Maggio 2022
Attualità

Zoo di Simona e istituto De Filis insieme per la “battaglia” di Zarifa: un esempio per tutte le donne

Domani l’inaugurazione del murale realizzato presso l’istituto comprensivo di Terni che racconta la storia della sindaca più giovane dell’Afghanistan

Domani, martedì 14 dicembre alle 11, presso l’istituto comprensivo De Filis di Terni, si terrà l’inaugurazione di Ciccia Kabul & Friends.

L’opera de Lo Zoo di Simona racconta con un grande murale la storia di Zarifa, la sindaca più giovane dell’Afghanistan che, ora che i talebani si sono assicurati il controllo del Paese, sa di essere in pericolo di vita, ma ha deciso coraggiosamente di non tentare la fuga. La sua intenzione è quella di continuare a combattere, perché crede in un futuro migliore e per questo vuole lottare: per i diritti suoi e di tutte le altre donne.

Ciccia Kabul parla della rivoluzione delle donne afghane, silenziosa e continua; delle donne che non vogliono stare al posto dove le vorrebbe relegare la dittatura talebana, mute, schiave e coperte. Le donne afghane non possono essere cancellate, devono essere colorate e illuminate.

Murale scuola De Filis Terni, la storia di Zarifa

“Donne portate alla ribalta anche dalla contemporaneità dell’arte – dice Simona Angeletti – perché non si sentano mai sole, abbandonate, per provare ancora, tenacemente, a sfidare il modello patriarcale talebano, trovando alleate ovunque nel mondo. Alleate attive, colorate, risolutive, speranzose come eroine contemporanee. Abbiamo il dovere di offrire una speranza anche attraverso un’arte di strada, distante e a volte distratta: anche l’arte di passaggio, di un porticato, può dire la sua, può lasciare una traccia.”

“E lasciare un messaggio per le donne afghane a Terni – aggiunge Simona – è come mandare un messaggio a tutte le donne uccise ancora ogni giorno, anche vicino a noi; alle donne costrette a convivere con un maschilismo imperante, subdolo (impregnato in qualsiasi tessuto sociale tanto da far passare per normale, ciò che normale non è) che le vede (ci vede) ancora come oggetto di possesso”.

L’opera, diventata opera collettiva dei ragazzi della De Filis che l’hanno di fatto realizzata, avendo la preziosa opportunità di lavorare insieme, fare qualcosa di creativo e riflettere su un tema di grande attualità, verrà inaugurata alla presenza della dirigente scolastica, del sindaco e delle autorità cittadine.  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Zoo di Simona e istituto De Filis insieme per la “battaglia” di Zarifa: un esempio per tutte le donne

TerniToday è in caricamento