rotate-mobile
Attualità

Terni, Mascia Aniello: “Facciate e spazi Ater senza manutenzione da decenni”. Tutti i quartieri e le zone individuate

Tavolo di confronto convocato per il prossimo martedì 23 gennaio. La richiesta inviata da Giovanni Maggi e Mascia Aniello

Un incontro fissato per la giornata di martedì 23 gennaio. Gli assessori Giovanni Maggi e Mascia Aniello hanno infatti richiesto un tavolo di confronto, decisorio e programmatorio al quale parteciperanno anche Ater e Regione Umbria. A tal proposito l’assessore Aniello ne ha spiegato i motivi di tale richiesta: “Dal nostro insediamento moltissime famiglie di Terni lamentano le pessime condizioni di facciate, spazi pertinenziali (tra cui strade-groviera), mancate impermeabilizzazioni di svariati complessi di proprietà diretta Ater.

Abbiamo impiegato settimane per svolgere alcune verifiche tecniche, ma l'esito è stato impietoso: in taluni casi sono molti decenni che non si registrano le necessarie manutenzioni, ormai straordinarie, da parte dell’Agenzia, con una plateale e perdurante carenza di attenzioni della Regione Umbria. Tutta questa incuria rende assai meno vivibili e potenzialmente problematici non soltanto gli edifici Ater, colpendo peraltro chi ci vive, ma arriva a coinvolgere i quartieri, già di per sé sempre meno sostenibili dal punto di vista sociale.

Noi diciamo stop al degrado: abbiamo pertanto redatto una puntuale lettera nei confronti di Ater e Regione dell'Umbria -cui Terni riccamente contribuisce, non sempre ricambiata- convocando gli interessati in Comune per la data odierna, 18 gennaio. Essendo poi stati richiesti dalla Regione di un cortese posticipo dell'incontro, abbiamo concordato un nuovo appuntamento per dare risposte finalmente concrete a centinaia di famiglie e a un'intera città: il tavolo Comune-Ater-Regione è dunque convocato per martedì 23 gennaio.

Oltre la rigenerazione di San Lucio, che, dopo decenni di degrado, si deve essenzialmente al Pnrr (il co-finanziamento di Palazzo Donini è pari ad appena un milione e mezzo di euro), la Regione dovrà finalmente procedere con manutenzioni straordinarie presso i seguenti poli: le aree pertinenziali al complesso ricompreso tra via F.lli Rosselli e via Eugenio Chiesa; quelle di pertinenza dei condomini di via Papa Benedetto III/via Liutprando; quelle di via Brodolini, nonché le facciate del cosiddetto steccone;  quelle di via Cadore, con le relative facciate, mai completate (con enormi problemi di umidità); le facciate di via Piana dei Greci; le facciate di via Guazzaroni e di via Tabarrini; le facciate di via Ghione; le facciate di via Valenti; le pertinenze viabili di via Marzabotto (civ. da 30 a seguire) e l’area di parcheggio di via Salemi”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Terni, Mascia Aniello: “Facciate e spazi Ater senza manutenzione da decenni”. Tutti i quartieri e le zone individuate

TerniToday è in caricamento