rotate-mobile
Domenica, 14 Aprile 2024
Attualità

Narni, giovani e uso di droghe: la fondazione ‘Ema, Pesciolino Rosso’ incontra i cittadini

Iniziativa presso la parrocchia di Ponte San Lorenzo di Narni

Un incontro per lanciare dei messaggi importanti agli adolescenti ed ai ragazzi in generale, contro l'uso di qualsiasi tipo di sostanza stupefacente. Si può riassumere così l'iniziativa che qualche sera fa si è svolta presso la parrocchia di Ponte San Lorenzo di Narni. Ad organizzarla è stata la stessa parrocchia in collaborazione con la Fondazione "Ema, Pesciolino rosso". "L'ente - ricordano Eleonora Nardò e Sofia Proietti, le due catechiste che più di altri si sono impegnate per organizzare l'evento -, nasce dal dolore di una famiglia per la morte di Emanuele, un ragazzo appena sedicenne stroncato dopo aver assunto una droga sintetica. Per reagire alla morte di 'Ema' il papà Gianpietro e gli altri familiari del ragazzo scomparso hanno vissuto dei giorni terribili. Dopo pochi giorni, però, qualcosa è cambiato. E tutto per merito di un sogno straordinario che ha visto come protagonista proprio Emanuele.

Un sogno che ha risvegliato in Gianpietro un’energia inspiegabile, come se il figlio avesse donato le sue energie vitali al padre, come se da due vite separate se ne fosse creata una unica, potenzialmente incredibile. In seguito al sogno - continuano le due catechiste -, papà Gianpietro ha deciso di convogliare queste energie e dedicare la sua vita ai giovani e alla loro crescita, promettendo a suo figlio che avrebbe portato ovunque la sua storia. Gianpietro, nel corso dei tanti incontri che vengono organizzati ovunque, parla di Emanuele per portare avanti il suo ricordo, il suo amore. Durante ogni incontro, nelle scuole, negli oratori, nei teatri, le parole autentiche e dolci della sua voce entrano nel corpo di chi le ascolta come se ci fosse accanto ad ognuno di noi Emanuele che ci abbraccia, ci comunica che lì davanti a noi c’è suo padre che sta donando la vita a tutti i giovani che vogliono vivere e iniziare ad apprezzare la vita per la sua interezza, senza artifizi. 

La Fondazione ha come scopo principale il sostegno dei giovani nella forma di prevenzione, divulgazione e sostegno di attività di sviluppo e crescita. In questi anni il 'Pesciolino Rosso' è diventata una community di migliaia di persone, in crescita costante, dove genitori e giovani si scambiano idee, pensieri e condividono riflessioni su temi come l’adolescenza, il futuro, la scuola e ovviamente il rapporto tra genitori e figli. Dal gennaio 2014 la Fondazione ha tenuto, da nord a sud, oltre 2.000 incontri in scuole, oratori e piazze con tantissimi genitori e figli. Per tutti noi è stata una serata all'insegna dell'emozione, dell'amore condiviso". Il parroco don Jean Pierre kalongisa, ha ringraziato Giampietro  per la sua testimonianza invitando i presenti a condividerla nelle famiglie con i ragazzi. Inoltre ha ringraziato anche i genitori e le catechiste che hanno sostenuto questa iniziativa.

Alla serata era presente anche l'assessore comunale Luca Tramini che ha sottolineato "l'importanza di queste  testimonianze, il cui valore è inestimabile e di gran lunga superiore a mille insegnamenti. Per questo si cercherà di dare continuità all'iniziativa  portando la storia di Emanuele presso le scuole del territorio". Il parroco don Jean Pierre kalongisa, ha ringraziato Gianpietro  per la sua testimonianza invitando i presenti a condividerla nelle famiglie con i ragazzi. Inoltre ha ringraziato anche i genitori e le catechiste che hanno sostenuto questa iniziativa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Narni, giovani e uso di droghe: la fondazione ‘Ema, Pesciolino Rosso’ incontra i cittadini

TerniToday è in caricamento