rotate-mobile
Lunedì, 4 Marzo 2024
Attualità

Terni, prosecuzione della sperimentazione della Zona traffico limitato: “Chiarimenti su flussi, sanzioni e andamento vendite”

Doppia interrogazione presentata dai Consiglieri Comunali di Fratelli d'Italia e del Partito democratico, oltre a Jose Maria Kenny

Una duplice interrogazione per fare chiarezza sulla prosecuzione della sperimentazione della Zona traffico limitato. L’amministrazione comunale ha infatti annunciato di voler proseguire, dopo il periodo coincidente con le festività natalizie, fino alla fine di gennaio. Una decisione che non è stata affatto condivisa dal Comitato delle famiglie del centro storico ed è stata oggetto di due documenti presentati nel corso della seduta del Consiglio comunale di oggi, lunedì 8 gennaio.

A tal proposito i Consiglieri di Fratelli d'Italia, del Partito democratico oltre a Jose Maria Kenny di Innovare per Terni hanno sottoscritto due documenti distinti con medesima finalità, ossia avere dei chiarimenti su determinanti aspetti indicati negli atti presentati. 

Il documento Dem: “Dall’8 dicembre 2023 al 6 gennaio 2024 ha avuto luogo una sperimentazione dell’apertura della zona a traffico limitato del centro cittadino. Da articoli di stampa emerge la volontà dell’amministrazione di proseguire la sperimentazione fino a fine gennaio”.

I consiglieri chiedono di: “Conoscere attraverso quali strumentazioni si sono potuti contare gli accessi. Inoltre conoscere i flussi veicolari ovvero quanti mezzi hanno avuto accesso nella zona a traffico limitato durante la sperimentazione. Di sapere con quali criteri si è valutata l’apertura sperimentale nelle fasce orarie indicate. Di sapere attraverso quali indicatori si è messa in relazione l’andamento delle vendite con la sperimentazione della apertura della zona a traffico limitato. Infine di conoscere i valori ambientali rilevati anche attraverso le centraline, nel periodo di sperimentazione e sapere quanti mezzi sono stati sanzionati”.

Atto Fratelli d'Italia

Il documento di Fratelli d’Italia: “L’attuale amministrazione non ha fornito a quali obbiettivi/risultati sia stata collegata la sperimentazione/apertura. A fronte dell’effettuata sperimentazione non è stato comunicato alcun parametro teso a misurare la sperimentazione stessa. L’accesso non permetteva altresì la sosta delle vetture imponendo la permanenza in ZTL non oltre le 20. Inoltre sono state elevate per questi due motivi numerosissime contravvenzioni”.

I consiglieri chiedono di sapere: “Quali siano stati gli obbiettivi/finalità della sperimentazione di cui in premessa. Con quali parametri/misuratori sia stata valutata la sperimentazione. A quanto ammonta l’importo totale delle contravvenzioni elevate nel periodo 8 dicembre 2023 - 6 gennaio 2024 nella ZTL. Quante sono le contravvenzioni elevate per divieto di sosta e quante sono le contravvenzioni elevate a coloro che senza permesso di accesso sono usciti dalla ZTL oltre le 20. Infine cosa intenda fare questa amministrazione dal 6 gennaio riguardo all’accesso alla ZTL concesso anche a coloro che non fossero dotati di permesso”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Terni, prosecuzione della sperimentazione della Zona traffico limitato: “Chiarimenti su flussi, sanzioni e andamento vendite”

TerniToday è in caricamento