Rinascono le fontane a Terni: censimento e riqualificazione dopo l’abbandono. Al via i lavori per la sistemazione degli impianti

La giunta comunale ha approvato, il giorno prima di Ferragosto, un atto di indirizzo che prevede un investimento di 20 mila euro per la manutenzione ordinaria

foto Giacomo Sirchia

Lavatoi, abbeveratoi, piccole sorgenti ad uso locale, fontanelle e fontane ornamentali. Un censimento minuzioso, effettuato dai tecnici preposti del comune di Terni, finalizzato ad interventi di manutenzione ordinaria ad ampio raggio. La giunta comunale, nel corso dell’ultima seduta da remoto prima di Ferragosto, ha approvato un atto di indirizzo con il quale si prevedono 20 mila euro da destinare a lavori specifici sugli impianti pubblici individuati.

Il censimento ed i lavori

Sono stati censiti quarantanove impianti costituenti lavatoi, abbeveratoi o piccole sorgenti ad uso locale, all’interno del perimetro comunale. Inoltre 106 fontanelle pubbliche, quattordici ornamentali minori e la fontana di piazza Tacito riconducibile ad ornamentale maggiore. Tra le fontanelle censite le opere di pregio storico, in quanto costituite da manufatti in ghisa realizzati alle acciaierie di Terni e che oggi rappresentano una testimonianza da tramandare. Queste fontanelle, in particolare, necessitano della sostituzione dei rubinetti consoni e il ripristino della funzionalità. Nello specifico quelle che si trovano in: piazza dell’Olmo, largo Fabri, zona Fiori, via Costa, via dei Castelli, via Montegrappa, via del Teatro Romano, via Possenti, viale Brin e nelle frazioni di Collestatte e Collescipoli.  

Gli interventi consistono nel totale o parziale rifacimento dell’impianto, la sostituzione di elementi deteriorati per esaurita vita tecnica. La manutenzione delle elettropompe e pompe di drenaggio, fornitura e sostituzione di premistoppa o premi treccia o tenute di qualsiasi tipo. Inoltre la manutenzione delle tubazioni, del valvolame, ugelli, galleggianti, controlli di livello elettronici, meccanici. L’intervento sulle apparecchiature automatiche, quando necessario, compreso il controllo di funzionamento e la taratura conseguente.

La manutenzione delle apparecchiature elettriche, controllo dell’isolamento, pulizia e serraggio dei morsetti di tutte le apparecchiature con eventuale disossidazione e sostituzione, riparazione e/o sostituzione, con forniture di tutte le parti elettriche. Infine la verifica funzionamento interruttore differenziale con cadenza mensile ed in occasione del sopralluogo periodico. Sono previsti anche lavori di pulizia, regolazione dei circuiti ed eventuale ricambio per garantire il ritorno alla piena funzionalità delle opere censite.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si tornerà in "zona arancione". Domani l'ordinanza che farà retrocedere l'Umbria

  • Lutto a Terni, è scomparso Mauro Moretti noto ristoratore di una storica attività del territorio

  • Esce dall'auto e poco dopo si accascia a terra e muore. Un sabato pomeriggio drammatico a Ferentillo

  • Non paga la dose di cocaina al pusher ed è costretto a cedergli i suoi valori personali. La polizia intrappola un 25enne di Orvieto

  • La profumeria ecobio e l’idea creativa di un’imprenditrice ternana: “Ispirata da una filosofia di vita”

  • Terapie intensive, ricoveri ordinari e indice Rt: ecco perché l’Umbria rischia il “cartellino” arancione

Torna su
TerniToday è in caricamento