rotate-mobile
Giovedì, 19 Maggio 2022
Attualità

Guerra in Ucraina, il Comune di Terni in supporto di bimbi e studenti: gli interventi approvati a favore dell’inclusione scolastica

La direzione welfare e la direzione istruzione hanno concordato di rimodulare lo sportello immigrazione già attivo per accoglienza, informazione, orientamento e supporto

Una serie di interventi in supporto dell’inclusione scolastica dei bimbi e studenti di nazionalità ucraina, in fuga dalla guerra. È quanto approvato dalla giunta municipale, nel corso della giornata di oggi, mercoledì 30 marzo. La direzione welfare e la direzione istruzione hanno concordato di rimodulare lo sportello immigrazione già attivo per accoglienza, informazione, orientamento e supporto dei singoli e delle famiglie ucraine presenti. 

“Per ciò che concerne i servizi di integrazione – afferma l’assessore Cristiano Ceccotti – è già attivo il servizio BOA per facilitare l'accesso ai servizi scolastici degli immigrati che fa riferimento al progetto regionale I.D.E.A. e stiamo raccogliendo le informazioni sui bisogni e le necessità delle persone ucraine anche in riferimento all’iscrizione scolastica nel nostro punto in piazza San Francesco aperto il lunedì, martedì e venerdì dalle 9.30 alle 12.30 ed giovedì dalle 14 alle 17”.

Una ulteriore novità annunciata dagli assessori Cristiano Ceccotti e Cinzia Fabrizi: “Verrà garantito il trasporto scolastico gratuito per bambini e studenti ucraini di nuovo ingresso sulle linee di trasporto vigenti e nel rispetto della attuale normativa sanitaria. Inoltre attivate nuove linee, qualora fosse necessario, in accordo e secondo le possibilità del gestore. Per la scuola dell’infanzia, la scuola primaria e secondaria di primo grado – evidenzia l’assessore Fabrizi – l’amministrazione comunale coprirà i costi della ristorazione scolastica, su richiesta degli interessati ed in relazione alle effettive esigenze. Inoltre il comune di Terni sta anche valutando la disponibilità nelle scuole anche in riferimento alla presenza di studenti connazionali e docenti od operatori con competenze linguistiche per migliore l'inclusione dei nuovi arrivati”.

Infine: “Per il nido d’infanzia e servizi per la prima infanzia abbiamo anche garantito l’inserimento dei bambini e delle bambine nei SEC, i servizi educativi comunali laddove possibile, con spese di ristorazione a carico dell’amministrazione. Verranno anche forniti – conclude l'assessore alla scuola – i libri necessari per la frequenza della scuola primaria secondo consuete previsioni normative sempre su richiesta degli interessati”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Guerra in Ucraina, il Comune di Terni in supporto di bimbi e studenti: gli interventi approvati a favore dell’inclusione scolastica

TerniToday è in caricamento