rotate-mobile
Domenica, 23 Giugno 2024
Attualità

Movida a Terni: “Nessun intervento vessatorio nei confronti dei locali. Gran parte degli illeciti riguardano impianti di diffusione sonora”

I consiglieri comunali del Movimento cinque stelle: “Vogliamo conoscere la quantità di multe effettuate nei confronti dei locali del centro nell'ultimo mese di giugno”. Le precisazioni dell’assessore Giovanna Scarcia

Un vero e proprio appello rivolto all’amministrazione comunale. I consiglieri comunali del Movimento cinque stelle hanno presentato un’interrogazione, dopo aver ricevuto alcune segnalazioni da parte di titolari e gestori dei locali che caratterizzano la cosiddetta ‘movida’ cittadina. Nel corso dell’ultima seduta del Consiglio comunale è stata annunciata dal capogruppo pentastellato Federico Pasculli.

Secondo i consiglieri: “Dopo numerose segnalazioni ricevute riteniamo doveroso fare chiarezza. Come gruppo consiliare del Movimento cinque stelle abbiamo depositato un’interrogazione per conoscere la quantità di multe effettuate nei confronti dei locali del centro nell'ultimo mese di giugno per capire se la giunta Latini abbia deciso di applicare il criterio di tolleranza zero, solo verso i commercianti della nostra città”.

Da qui l’appello: “In questo momento storico post pandemia, aggravato dalle speculazioni in atto a causa della guerra in Ucraina, facciamo un appello al fine di evitare l'accanimento nei confronti di categorie su cui ricade una tassazione già di per sé insostenibile. Basti pensare alla Taric o alla Tosap, tutti balzelli che la giunta Latini ha lasciato in capo a famiglie e imprese. Mentre il sindaco esulta per 17 mila tagliandi staccati dai gestori della ruota panoramica – osservano i consiglieri - questi soldi hanno già lasciato Terni insieme alla ruota stessa. Ricordiamo che tale operazione ha portato nelle casse del Comune appena 3 mila euro di occupazione di suolo pubblico. Un dato che lascia perplessi se si considera il trattamento riservato a chi, con il suo lavoro, contribuisce a mandare avanti quel Comune che sembra sempre più distante da chi ha il coraggio di fare impresa”.

Intervento assessore Giovanna Scarcia

Ad intervenire sul tema l’assessore Giovanna Scarcia che ha dichiarato alla nostra redazione di www.ternitoday.it: “Come amministrazione, siamo ben coscienti delle criticità che hanno riscontrato e riscontrano le attività commerciali, in questo difficile periodo di crisi diffusa. Diversi, del resto, sono stati gli interventi a sostegno delle stesse in questi ultimi anni. Penso alle agevolazioni per il delivery, ad esempio, o agli ampliamenti dell'occupazione del suolo pubblico. Per il futuro, poi, come discusso in un recente tavolo con le associazioni di categoria, si procederà ad un bando per ristoro Tosap”.

L’assessore precisa: “Tuttavia e contemporaneamente, non possiamo restare sordi alle continue richieste di controllo da parte dei cittadini, che troppo spesso sollecitano interventi. Il perimetro delle regole - del resto - in un contesto come quello della movida ternana, ad altissima densità di licenze, è l'unico in cui si può garantire il giusto equilibrio tra interessi contrapposti e, quindi, una civile convivenza tra residenti e locali.”

Ed ancora: “La maggior parte degli illeciti contestati, da quanto appurato dagli uffici, infatti, hanno riguardato il mancato rispetto dell'ordinanza sull'utilizzo degli impianti strumenti e apparecchi di diffusione sonora. Nessun intento vessatorio, quindi. Si tratta solo di controlli programmati – conclude l’assessore - ma non certo continuativi volti a prevenire, anche in futuro, situazioni di irregolarità e illeciti, a tutela anche e soprattutto di chi le regole le rispetta”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Movida a Terni: “Nessun intervento vessatorio nei confronti dei locali. Gran parte degli illeciti riguardano impianti di diffusione sonora”

TerniToday è in caricamento