menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

L'incursione di Galileo Galilei ad Acquasparta raccontata in un cortometraggio

Il mini film è stato promosso e realizzato dalla Fondazione Carit e racconta il rapporto fra Galilei e Federico Cesi che ospitò lo scienziato e lo accompagnò, per motivi di studio, alla Cascata delle Marmore e a Piediluco.

Un cortometraggio di 30 minuti realizzato della Fondazione Cassa di Risparmio di Terni e Narni con la produzione di Euromedia, reso possibile grazie al coinvolgimento di figure professionali esclusivamente del territorio. Dopo l’uscita del trailer, la Fondazione Carit pubblica sui canali socila il video integrale.

Il rapporto fra Cesi e Galilei

Il cortometraggio racconta il soggiorno di Galileo Galilei ad Acquasparta, ospite di Federico Cesi, e la sua visita alla Cascata delle Marmore e al lago di Piediluco per motivi di studio e ricerca. Terni e il suo comprensorio sono stati dunque al centro della rivoluzione scientifica galileiana che ha cambiato la visione del mondo.

Federico Cesi (1586-1630), patrizio umbro-romano, appassionato studioso di scienze naturali e soprattutto di botanica, fondò a Roma nel 1603 un sodalizio con tre giovani amici, l’olandese Giovanni Heckius, il marchigiano Francesco Stelluti e l’umbro Anastasio De Filiis, denominando la loro compagnia Accademia dei Lincei. Dal 1611 l’Accademia contò, tra i suoi Soci, proprio il nome di Galileo Galilei.

La Fondazione Carit – spiega il Presidente Luigi Carlini – ha impegnato una parte delle risorse a disposizione nello sviluppo locale per la produzione di questo importante cortometraggio, che oggi ha il piacere di offrire alla collettività, al fine di approfondire le conoscenze sulla storia di alcuni grandi pensatori che hanno cambiato la visione scientifica e letteraria universale. E lo hanno fatto passando anche da questi luoghi, la Cascata delle Marmore e il Lago di Piediluco, dove hanno potuto comprendere che “in queste meraviglie si manifesta il pensiero scientifico e che la filosofia è come scritta in un libro aperto costantemente davanti agli occhi”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TerniToday è in caricamento