Attualità

"La città deve poter commemorare Fabio Fiorelli". L'atto di indirizzo di Gentiletti (Senso Civico)

Il capogruppo di Senso Civico chiede, alla luce del centenario della nascita di Fiorelli, di "realizzare eventi e individuare un luogo pubblico con il quale commemorare la figura di Fiorelli"

Cento anni fa nascefa Fabio Fiorelli, personalità politica storica per la città di Terni. Socialista iscritto al Psi fino al 1985, Fiorelli inizia la sua attività di amministratore presso la Provincia di Terni nel 1952, diventandone presidente nel 1960. In seguito fu eletto consigliere regionale nelle storiche votazioni del 7 giugno 1970, e nominato primo presidente del consiglio dell'Umbria ricoprendo tale carica fino al 1977. Nel 1980 fu eletto consigliere comunale di Terni, ricoprendo anche la carica di vicesindaco e assessore alla cultura. Una figura eminente per la politica ternana per la quale il capogruppo di Senso Civico, Alessandro Gentiletti, ha chiesto ufficialmente uno spazio di commemorazione cittadina.

"Abbiamo chiesto di ricordare Fabio Fiorelli attraverso un atto di indirizzo - dice Gentiletti -, in quanto crediamo sia fondamentale per la nostra città approfondire la figura e il pensiero politico di un uomo che ha reso protagonista Terni, come guida dell’Umbria.

Siamo in attesa che il nostro atto venga discusso e approvato e - prosegue il consigliere di opposizione - crediamo fondamentale che ciò avvenga in questo anno in cui celebriamo il centenario della nascita di Fabio Fiorelli. Da quando abbiamo presentato l’atto si è avviato un confronto intenso con tante figure della città e della politica, anche trasversali, per realizzare eventi e individuare un luogo pubblico con il quale commemorare la figura di Fiorelli - conclude -, esempio ancora oggi per i giovani che decidono di impegnarsi in politica".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"La città deve poter commemorare Fabio Fiorelli". L'atto di indirizzo di Gentiletti (Senso Civico)

TerniToday è in caricamento