rotate-mobile
Domenica, 5 Dicembre 2021
Attualità

La fontana con le cannelle che non ha mai, o quasi mai, funzionato: è polemica

Si trova in largo Liberotti a pochi passi da corso Tacito, a lato della ex chiesa di San Tommaso dove c'è il Paleolab. Polemica di Giampiero Raspetti: brutta e maleodorante

La fontana con le cannelle non ha mai o quasi mai funzionato. Si trova a due passi da corso tacito, attaccata all'ex chiesa di San Tommaso che ospita il Paleolab, il museo delle raccolte paleontologiche dell'Umbria meridionale, in largo Liberotti. A segnalare il caso è Giampiero Raspetti, direttore editorale de La Pagina che ha sede poco distante dalla fontana. Ed è polemica.

"Questo oggetto misterioso  - dice Raspetti - è una della opere malefatte che concorrono a rendere brutta la nostra città. Il rottame maleodora e contribuisce a far risultare sciatta e triste una città non certamente amata da chi ce lo ha affibbiato. Chi lo ha voluto, chi lo ha ordinato, chi lo ha fatto, perché non ha mai funzionato? Chi ha tagliato i nastri, chi ha celebrato l’inaugurazione, chi si è fatto bello con un’opera mai in funzione? Saperlo significa semplicemente impedire di fare ancora del male a questa nostra martoriata città".
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La fontana con le cannelle che non ha mai, o quasi mai, funzionato: è polemica

TerniToday è in caricamento