La magia di Amadeus Mozart risuonerà nel secondo week-end dell'Ameria Festival

Due importanti opere del genio di Salisburgo saranno suonate dal giovanissimo 21enne italiano, Raffaele Battiloro venerdì 9 ottobre. Sabato 10, omaggio a Pino Daniele.

Il secondo week-end dell’Ameria Festival 2020 porterà sul palco del Teatro Sociale di Amelia due opere dell’immortale Amadeus. Una serata, quella di venerdì 9 ottobre, dedicata al virtuosismo di Mozart con due fra i suoi più grandi capolavori: il “Concerto per pianoforte e orchestra n.23 in La maggiore k 488” e la “Sinfonia n. 40 in sol minore k550”. Altrettanto virtuose e dense di talento sono le mani del giovanissimo e pluripremiato pianista Raffaele Battiloro, protagonista assoluto della serata.

Raffaele Battiloro, 21 anni, è nato a Torre del Greco e ha iniziato gli studi di pianoforte all’età di quattro anni. È entrato in conservatorio col massimo dei voti all’età di 7 anni e nel 2017. A soli 18 anni si è diplomato con la menzione d’onore. Ha sostenuto masterclass di grande livello con importanti nomi tra cui Aldo Ciccolini, Michele Marvulli, Benedetto Lupo. Ha studiato per due anni con Dominique Merlet a Parigi e, attualmente, si sta perfezionando con il Maestro Riccardo Risaliti a Firenze. Si è esibito in importanti stagioni concertistiche e ha ricevuto vari premi, tra cui il prestigioso “Premio Alkan” di Piacenza.

“È un doppio onore per noi  offrire al pubblico del Festival due talenti – spiega il presidente della Società Teatrale, Riccardo Romagnoli - Il primo è quello dell'immenso Mozart, inesauribile fonte di spirituale godimento tanto per gli esecutori quanto per gli ascoltatori. L’altro è quello del giovanissimo musicista che, a soli 21 anni, rappresenta già una promessa internazionale”. Il giovane pianista sarà accompagnato dall’orchestra “Europa Musica” diretta dal Maestro Sergio La Stella,

Sabato 10 ottobre la serata omaggio a Pino Daniele

Nell’olimpo della musica c’è spazio anche per il genio contemporaneo di Pino Daniele, che sarà omaggiato, sabatom10 ottobre alle 20.30, dagli sperimentati musicisti del “Gruppo Mediterraneo”, una fra le band storiche della musica popolare italiana.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Giulio D’Agnello (chitarra e voce), Antonello Solinas (basso) e Diego Guarino (percussioni), si ritroveranno insieme sul palco del Teatro Sociale, per rievocare le atmosfere pop-blues del celebre cantante partenopeo prematuramente scomparso, che resta, ancora oggi, fra i più significativi riferimenti per la formazione artistica e stilistica di intere generazioni di musicisti. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La protesta a Terni contro le restrizioni del Dpcm. Il corteo da piazza Tacito a Palazzo Spada: "Libertà"

  • Coronavirus, prove tecniche di un nuovo lockdown. E a Terni tornano le file ai supermercati

  • Incidente su via Battisti. Un motociclista falciato e portato con urgenza al pronto soccorso

  • Coronavirus, ordinanza restrittiva di ‘Halloween’: spostamenti solo motivati da autodichiarazione. Chiudono le scuole

  • “Angeli” in corsia nell’ospedale di Terni, la lettera: “Grazie per l’assistenza e la disponibilità verso nostra madre”

  • Coop contribuisce a combattere il Coronavirus: “Abbassato il prezzo delle mascherine chirurgiche in vendita nei negozi”

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento