Cascata delle Marmore, c’è l’accordo: assunti tutti i 38 lavoratori con contratto a tempo indeterminato

Svolta nella vertenza con il nuovo gestore del sito naturalistico. Il rapporto di lavoro scatta dal primo aprile. Ecco i termini della trattativa conclusa sul filo del rasoio

Accordo fatto tra sindacati e nuova ati di gestione della cascata delle Marmore. La serata di ieri ha visto il gruppo di lavoratori della 165m Marmore falls approvare la proposta scaturita dagli incontri iniziati ormai a febbraio e durante i quali i sindacati hanno cercato di mediare tra le richieste della compagine capitanata da Vivaticket e gli operatori, fino a ieri sul filo del rasoio.

LEGGI - La trattativa tra sindacati e Vivaticket

Dopo varie fasi intermedie, l’accordo sottoscritto prevede il riassorbimento con un contratto a tempo indeterminato di tutti e 38 i lavoratori a partire dal 1 aprile 2019 con il monte orario indicato nel mansionario trasmesso dai vecchi ai nuovi gestori. A fronte di ciò, i lavoratori dovranno dimettersi da socio lavoratore dalle cooperative Actl, Alis, Sistema museo e, in caso di impiego in altra mansione concorrenziale (ad esempio il lavoro a Carsulae), potranno dimettersi o chiedere l’aspettativa, congelando quindi il vecchio contratto. Qualora, invece, il lavoratore fosse impiegato in mansione non concorrenziale (ad esempio, nel sociale) avrà la possibilità di mantenere il doppio contratto. Infine, se per necessità di servizio l’operatore dovesse raggiungere il monte orario completo che aveva con le coop di provenienza, lo stesso lavoratore avrà l’obbligo di dimettersi dal vecchio datore di lavoro. Molti operatori, infatti, svolgevano più servizi, vedendo quindi la suddivisione del proprio orario part time tra diverse attività.

L’assemblea dei lavoratori all’unanimità ha approvato l’ipotesi di intesa, pertanto le organizzazioni sindacali questa mattina apporranno la propria firma e l’accordo sarà in vigore.

La soluzione individuata, che sembrerebbe mettere d’accordo le parti, dovrà ora essere recepita dalle cooperative Actl, Alis e Sistema museo, per definire poi gli eventuali passaggi dei lavoratori.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: “Siamo a Terni e non in qualche paese lontano da noi”. La foto scattata all’ospedale fa il giro del web

  • La protesta a Terni contro le restrizioni del Dpcm. Il corteo da piazza Tacito a Palazzo Spada: "Libertà"

  • Coronavirus, prove tecniche di un nuovo lockdown. E a Terni tornano le file ai supermercati

  • Nuova ordinanza restrittiva: “Chiusura domenicale dei centri commerciali e attività di vendita. Limitazioni per cerimonie e stop allo sport”

  • Coronavirus, sospese le lezioni per un’altra scuola di Terni tranne per una classe: “Una mattinata particolare”

  • "Indossate la mascherina str..zi”: delirio e risate a Radio Deejay. Lo spot in ternano di Francesco Lancia in soccorso del Governo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento