rotate-mobile
Mercoledì, 1 Dicembre 2021
Attualità

Raccordo Terni-Orte, riaperta la tratta principale: “In arrivo l’ultimo segmento di cantiere”. Novità per la viabilità

L’assessore regionale Enrico Melasecche: “L’intero intervento riqualifica in modo definitivo il raccordo su standard di assoluto livello”

Un ulteriore segmento del raccordo autostradale Terni-Orte, la tratta principale di 4 km, è stato riaperto nel corso della giornata di oggi, giovedì 21 ottobre. Ad aggiornare sullo status degli interventi l’assessore regionale alle infrastrutture Enrico Melasecche il quale ha affermato: “Si tratta di un intervento richiesto specificamente dalla Regione, per riqualificare il collegamento della città di Terni con la E45. Il progetto di questo tipo, fortemente innovativo, è la prima volta che viene realizzato”. Tali lavori di risanamento profondo di entrambe le carreggiate – avviati nel luglio 2020 - della strada statale 675 dal km 2+500 al km 11+100, hanno comportato una spesa complessiva di circa 13 milioni di euro, per circa 17 km di doppia corsia.

I dettagli forniti: “Elaborato secondo i migliori nuovi standard per riciclare i materiali esistenti e ridurre al minimo la produzione di rifiuti, ha previsto la ricostruzione della fondazione stradale per uno spessore di 35 cm e l’esecuzione della nuova pavimentazione stradale in conglomerato bituminoso per altri 31 cm di cui 18 cm grazie al riciclaggio in sito del materiale fresato e soli 13 cm di conglomerato bituminoso vergine. Lo strato di usura è del tipo drenante, onde migliorare la sicurezza all’utenza stradale in caso di piogge. Tale progetto incrementa notevolmente la portanza e quindi la vita utile dell’infrastruttura che, per gli strati più in profondità, è stimata in circa 20 anni, 10 anni circa per il tappetino di usura, riducendo nel tempo la manutenzione ed i cantieri”. Ed ancora: “Successivamente saranno necessari soltanto modesti interventi nel solo piano superficiale. Per quanto riguarda la carreggiata nord, in direzione Spoleto, lo scorso anno sono stati eseguiti i lavori nella carreggiata nord riuscendo a completare a dicembre 2020 il tratto dal km 11+100 al km 6+000. Nei mesi invernali, a causa delle condizioni metereologiche sfavorevoli i lavori sono rimasti sospesi rimuovendo così ogni sacrificio per l’utenza causata dal cantiere. A marzo sono stati ripresi e si è concluso a fine giugno il rimanente tratto dal km 6+000 al km 2+500, completando così il risanamento dell’intera carreggiata in questa direzione”.

Inoltre: “Nella carreggiata Sud, in direzione Orte, a partire da luglio sono stati avviati i medesimi lavori nella carreggiata Sud approfittando del periodo estivo, caratterizzato da minor traffico pendolare per l’esecuzione dei lavori in corrispondenza degli svincoli di Terni Ovest e Terni Nord. Ad oggi, sono stati completati i lavori nei tratti compresi tra i km 2+500 e 4+000 circa e i km 6+000 e 9+000 circa. “I ritardi accumulati nell’ultimo periodo – ha aggiunto Enrico Melasecche - sono riconducibili alle avverse condizioni metereologiche delle ultime settimane, caratterizzate da diversi giorni di pioggia che, anche se non continui, hanno fortemente influenzato il regolare svolgimento delle lavorazioni di stesa dei conglomerati bituminosi a caldo che necessitano inevitabilmente della completa assenza di precipitazioni per la migliore riuscita”.

Novità viabilità

Nel contempo si prevede, entro metà novembre, di completare anche il precedente tratto compreso tra i km 4+000 e 6+000 circa, attualmente in corso, nonché di avviare gli ultimi 600 metri di cantierizzazione per giungere all’innesto con la ss 3 bis “Tiberina” E/45 sotto San Gemini entro il corrente anno, concentrando tutte le forze lavoro in tale tratto al fine di ridurre i tempi d’esecuzione ed il disagio all’utenza che, necessariamente, comporterà la chiusura di importanti rampe di accesso sia con la E/45 in direzione Perugia che con la ss 675 bis in direzione di Maratta. In tal caso l’utenza proveniente da Terni verrà canalizzata lungo la ss 675 “Umbro Laziale” in direzione Orte, per poter effettuare l’inversione di marcia all’altezza dello svincolo di “Narni Scalo-San Gemini” al km 14 circa. Tale percorso alternativo comporterà un maggior tempo di percorrenza stimato in circa 6-7 minuti. L’intero intervento – ha concluso l’assessore - riqualifica in modo definitivo il raccordo su standard di assoluto livello”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Raccordo Terni-Orte, riaperta la tratta principale: “In arrivo l’ultimo segmento di cantiere”. Novità per la viabilità

TerniToday è in caricamento