Lettera aperta al sindaco Leonardo Latini: “Un bando pubblico per rilanciare i Campacci"

Il segretario del circolo Conti Menotti si rivolge al primo cittadino: “Occorre procedere alla rimozione della situazione di degrado attualmente presente e riaprire il bar ristoro in località Campacci”

Campacci

Riceviamo e pubblichiamo una lettera aperta redatta dal segretario Sandro Piccinini del circolo PD “Conti Menotti” che ha per oggetto “Bar ristoro, spogliatoi e campo di calcio siti in Località “Campacci” di Marmore

“Illustre signor sindaco, abbiamo appreso dagli organi di stampa che nei giorni scorsi il TAR dell’Umbria, dopo molto tempo, ha emesso una sentenza rispetto alla vicenda relativa al bar ristoro sito in località “Campacci” di Marmore. Non si vuole entrare nel merito della sentenza - scrive il segretario - tuttavia la zona in questione, che comprende oltre che il già menzionato bar ristoro, anche un campo da calcio con spogliatoi ad oggi non più funzionanti, merita di essere presa in considerazione da parte dell’amministrazione da lei guidata in modo netto e risolutivo, senza dare luogo a rinvii, anche alla luce della sentenza di cui sopra.

Occorre infatti procedere alla rimozione della situazione di degrado attualmente presente e vanno percorse tutte le strade possibili per riaprire il bar ristoro in questione. Solo questo può arricchire ulteriormente l’offerta ricettiva di una zona come quella dei Campacci e del Belvedere superiore della Cascata, sempre più frequentata da turisti, oltre che dare nuove opportunità di lavoro ai giovani della nostra terra. Più di dieci anni fa, il comune di Terni ha effettuato dei lavori sull’intero Parco dei Campacci ridisegnandone anche l’aspetto urbanistico con la realizzazione dei box-turistici, il rifacimento dei servizi igienici e la realizzazione di percorsi pedonali all’interno delle aree verdi. In quell’occasione la direzione urbanistica coordinata dall’Arch. Roberto Meloni elaborò una proposta progettuale per recuperare lo spazio dove oggi sono insiti sia il campo di calcio che i locali degli spogliatoi.

Riteniamo che sarebbe opportuno ripartire da quel progetto, compatibile peraltro con il PRG e con l’ambiente di straordinaria bellezza circostante per dare nuova linfa all’area e produrre al tempo stesso sviluppo economico, tanto e troppo importante in una città dove c’è urgente bisogno di lavoro per tutti. Chiediamo quindi, alla luce della sentenza del TAR, di predisporre un bando pubblico per la gestione del bar ristoro e delle aree circostanti che preveda una formula che consenta al comune di non prevedere risorse. L’attrattiva delle nostre zone -conclude Piccinini - può passare anche attraverso la gestione di spazi e strutture pubbliche, che se lasciate in abbandono costituiscono un elemento di forte degrado, di cui quest’area di pregio non ha bisogno e fanno mancare introiti alle casse comunali"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si tornerà in "zona arancione". Domani l'ordinanza che farà retrocedere l'Umbria

  • Lutto a Terni, è scomparso Mauro Moretti noto ristoratore di una storica attività del territorio

  • Da San Gemini alla Siberia, la storia d’amore e l’annuncio di Lorenzo Barone: “Mi sposo con Aygul”

  • Terapie intensive, ricoveri ordinari e indice Rt: ecco perché l’Umbria rischia il “cartellino” arancione

  • Tragedia ad Arrone, muore una giovane mamma: “Siamo tutti sotto choc, increduli e scossi”

  • FOTO | Controlli a tappeto fra Terni e Narni. Posti di blocco al confine con la città

Torna su
TerniToday è in caricamento