menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La facciata del liceo classico di Terni, foto da Facebook

La facciata del liceo classico di Terni, foto da Facebook

Liceo Classico Tacito, gli studenti ternani vincono il concorso giornalistico “Ultim’ora”

Premiati i ragazzi della classe II D guidati dalla professoressa Bregliozzi per il doppio servizio giornalistico su tema “Donne e scienza: un rapporto problematico”

La scrittura come momento di aggregazione, ricerca, confronto e attivazione di competenze. È con questo spirito che gli studenti della classe II D del Liceo Classico G.C.Tacito, guidati dalla professoressa Annarita Bregliozzi, hanno vinto il premio nazionale “Ultim’ora” indetto da Sky Academy e dall’Osservatorio Permanente giovani editori.

Ad aggiudicarsi il primo posto il loro doppio servizio giornalistico, per carta stampata e per un videogiornale, su di un tema di grande attualità: “Donne e scienza: un rapporto problematico” realizzato nell’anno scolastico precedente.

“Gli alunni – scrive in una nota il dirigente scolastico Roberta Bambini – hanno potuto avere l'occasione di visitare la sede de Il Corriere della Sera e di realizzare un servizio televisivo sul tema “Oceani da salvare”. Ancora una vittoria per l’Istituto quindi, sempre in prima fila quando si tratta di concepire la scrittura come “chiave” per aprire nuovi mondi”.

Una delegazione della classe, accompagnata dalla docente, è stata premiata oggi a Firenze nel salone del Conventino dell’Hotel “Four Season”.

Il riconoscimento è il frutto di un lavoro sulla lettura, stimolato dalla partecipazione degli alunni all'iniziativa “Il quotidiano in classe”, e sull’impegno della professoressa a riflettere su temi di attualità e all’individuazione “di gruppo” di un tema, quello del rapporto tra donne e STEM (Science, Technology,  Engineering and Mathematics). A questo è seguito il confronto, il dibattito, la ricerca sulla rassegna stampa del MIUR e delle testate giornalistiche e, non da ultimo, il contatto stabilito con studiose e ricercatrici italiane del CERN di Ginevra che hanno offerto la loro disponibilità e collaborazione nella persona della dottoressa Chiara Mariotti che ha attivamente collaborato con i ragazzi via Skype, fornendo un contributo importante alla realizzazione del progetto.

Da qui alla scrittura il passo è breve. Ma non facile: “Ed i ragazzi hanno dimostrato di riuscire — conclude la nota – con la mediazione determinante della professoressa Bregliozzi - a far nascere un corposo ed efficace risultato”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La storia di un’artigiana ternana, dal riciclo del materiale di scarto alla trasformazione in pezzi unici: “Collane, bracciali, orecchini su misura”

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TerniToday è in caricamento