rotate-mobile
Attualità

Attività ternana chiude i battenti: “Purtroppo le condizioni attuali non ci permettono di andare avanti”

L’annuncio sui propri canali social: “È stata un'avventura importante e bellissima perché siete stati voi a donarci sorrisi, complimenti, consigli, critiche e spunti di miglioramento”

Un fulmine a ciel sereno, soprattutto per i tanti clienti che ospitava ogni giorno. Attraverso un post comparso sulla propria pagina facebook Giacomo Pietrelli annuncia la chiusura di ‘Già me gustav’. Ad inizio dell'anno in corso lo avevamo intervistato per fargli raccontare i segreti, le particolarità che caratterizzavano il suo locale. Il giovane imprenditore decise di aprire una nuova attività nel maggio del 2019. Successivamente – settembre 2020 – la scelta di trasferirsi in piazza San Giovanni Decollato. Durante l’estate, appena terminata, insieme agli altri colleghi del settore della ristorazione, aveva organizzato una serie di serate, dove si sono alternati artisti del territorio. Ora la decisone comunicata con il post pubblicato sui social.

“Salve a tutti, è arrivato il momento di comunicarvi quello che non avremmo mai voluto. Già me Gustav chiude”. E’ scritto sui propri canali. “Purtroppo le condizioni attuali non ci permettono di andare avanti e, dopo attente riflessioni, abbiamo deciso di chiudere prima che la situazione peggiori ulteriormente”.

Ed ancora: “Vogliamo ringraziare tutti coloro che nei nostri tre anni e mezzo di attività sono passati per un panino, una pokè, un hamburger, un GustaViparo, una birra o qualsiasi altra cosa che ci è venuto in mente di proporvi. È stata un'avventura importante e bellissima perché siete stati voi a donarci sorrisi, complimenti, consigli, critiche e spunti di miglioramento. Già me Gustav è stato il nostro locale ma so perfettamente che lo avete e lo sentirete sempre anche un po' Vostro. In ogni caso - in conclusione - non è detto che non ci riproveremo”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Attività ternana chiude i battenti: “Purtroppo le condizioni attuali non ci permettono di andare avanti”

TerniToday è in caricamento