rotate-mobile
Martedì, 18 Giugno 2024
Attualità

Raccordo Terni-Orte, lo slalom fra i cantieri: tutti i lavori in corso, i costi e i tempi per la chiusura

La mappa degli interventi da Montoro fino allo svincolo di San Carlo. In molti casi la data di conclusione è ancora “in via di definizione”

Il tratto più “martoriato” è quello compreso fra Montoro e Narni scalo, con un particolare “accanimento” all’area attorno agli svincoli fra Amelia e Capitone-Narni scalo. Che sia direzione nord o sud, fa poca differenza. Ma, in generale, il raccordo Terni-Orte è uno slalom fra cantieri. Per conferma, chiedere alle centinaia di automobilisti che ogni giorno percorrono le poche decine di chilometri della Ss 675 e che sono – molto spesso – costretti a file, attese, deviazioni e stress. Ecco allora una mappa, basata sui dati aperti e disponibili sul sito dell’Anas, che raccoglie tratti interessati, tempistiche e costi dei lavori in corso.

Complessivamente lungo il raccordo Terni-Orte sono previsti 70 interventi di manutenzione (53 sono in corso e 17 sospesi o in riavvio) per un importo complessivo superiore a 200 milioni di euro e due nuove opere per poco più di 314 milioni di euro.

Il dettaglio

Entro l’8 agosto dovrebbero concludersi gli interventi di manutenzione straordinaria del ponte Tarquinio e il miglioramento sismico del del ponte Caldaro per un investimento complessivo di quasi 1,2 milioni di euro. Il 16 giugno è invece la data prevista di ultimazione dei lavori di ripristino di una serie di muri di sostegno “ammalorati” presenti lungo il tratto della Ss 675 per un importo previsto appena inferiore a 3 milioni di euro. Attualmente, l’avanzamento dei lavori è al 72,65%.

Si sarebbero dovuti concludere il 20 dicembre scorso ma le “condizioni meteo impediscono il prosieguo delle lavorazioni” gli interventi di “risanamento profondo, rinforzo del piano viabile, ripristino delle banchine laterali, sistemazione dell’idraulica di piattaforma e segnaletica orizzontale” nel tratto compreso fra Nera Montoro e San Liberato (carreggiata sud) per un importo complessivo di oltre 4 milioni di euro. Al momento, non indicata neanche una data presunta di chiusura del cantiere. L’avanzamento dei lavori è poco sopra il 20%.

Il sito di Anas dice invece che sono sospesi per “esodo estivo” dal luglio 2022 gli interventi che interessano lo stesso tratto ma in carreggiata nord per un costo complessivo di circa 4,2 milioni di euro. L’avanzamento dei lavori è al 51,09%.

Termine dei lavori “in corso di definizione” per un ulteriore intervento di risanamento che interessa ancora l’area fra Nera Montoro e la zona industriale Tiberina (carreggiata nord) che registrano uno stato di avanzamento al 70% e un costo prossimo a 3,9 milioni di euro.

Alla fine del 2023 (stato di avanzamento al 28,7%) dovrebbero invece terminare i “lavori di ripristino degli impianti tecnologici” di una serie di gallerie, da San Pellegrino a Collevalenza) per un costo prossimo a 2,9 milioni di euro.

Diciannove ottobre 2023 è invece la data prevista per la chiusura del cantiere che prevede l’esecuzione di lavori straordinari sul viadotto Montoro (costo: 4.482.158,20 euro) che al momento vede uno stato di avanzamento al 21,58%.

I “lavori urgenti di adeguamento dello svincolo a raso di San Carlo”, al momento al 2,7% di avanzamento e che hanno un costo totale di oltre 4,2 milioni di euro si dovrebbero concludere entro il 24 gennaio 2024.

In via di definizione il termine dei lavori per gli interventi di bonifica e riqualificazione delle piazzole di emergenza e delle opere idrauliche lungo i 30 chilometri del Rato: la consegna del cantiere all’impresa è avvenuta il 13 maggio 2020, l’avanzamento è al 34,8%, il costo previsto poco più di 1,6 milioni di euro.

Servono invece più di 2,6 milioni e un tempo ancora indefinito per ultimare gli interventi di sostituzione e adeguamento della segnaletica “verticale e marginale”. Al momento, il cantiere è ad oltre l’84% di avanzamento.

Si trova ad un quarto di completamento il cantiere per i lavori “urgenti di sostituzione ed integrazione delle barriere di sicurezza stradale” in tratti saltuari: importo superiore a 3,7 milioni di euro e data di chiusa in via di definizione.

Da individuare ancora anche il termine dei lavori per la “sostituzione di appoggi e ritegni sismici Castagnola nella zona di San Liberato: l’importo del cantiere è di circa 3 milioni, che si sommano ai 4,3 milioni necessari per lo stesso intervento nel tratto Rocchette e ai 4,3 milioni per lo stesso intervento in zona Marinata. Nel primo e nell’ultimo caso, lo stato di avanzamento è prossimo al 25%, nel secondo non arriva al 10%.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Raccordo Terni-Orte, lo slalom fra i cantieri: tutti i lavori in corso, i costi e i tempi per la chiusura

TerniToday è in caricamento