rotate-mobile
Mercoledì, 5 Ottobre 2022
Attualità

Mancano medici di base, l’accordo in Regione: “Possono restare anche oltre 70 anni”

Intesa tra la giunta e le organizzazioni sindacali di categoria per far fronte alla mancanza di professionisti sul territorio: entro l'anno rischiano di "scomparire" 15 professionisti a Terni, 9 a Narni-Amelia e 7 ad Orvieto

I medici di base potranno restare in servizio anche dopo i 70 anni. E’ l’accordo siglato tra la Direzione Salute e Welfare della Regione Umbria e le Organizzazioni sindacali dei medici di medicina generale, approvato dalla giunta regionale su proposta dell’assessore alla Salute.

“In alcune zone dell’Umbria, in particolare quelle montane – ha spiegato l’assessore – si riscontra una carenza di medici di medicina generale che diventa ancora più grave, a fronte dei molti pensionamenti dei medici per raggiunti limiti di età. Più volte ormai è stata evidenziata la difficoltà a conferire gli incarichi convenzionali di medicina generale, che rimangono scoperti per mancanza di domande di medici disponibili ad accettare l’incarico, anche dopo la pubblicazione degli avvisi sul Bollettino Ufficiale della Regione”. 

Un caso tra gli altri è quello dell’Azienda USL Umbria 2, la quale ha pubblicato le carenze rilevate al marzo 2022 e, dei 57 posti vacanti di medicina generale assistenza primaria, per mancanza di domande dei medici disponibili ad accettare l’incarico vacante, solo 8 medici hanno acquisito la titolarità del rapporto convenzionale.

“Da oggi fino al 31 dicembre 2022, verranno a mancare ben 57 medici di medicina generale complessivamente nella Usl Umbria 2 che, in rapporto ad una media di mille assistiti per medico, significa che una popolazione aziendale di 57mila assistiti rischia di non poter effettuare la scelta medico fiduciaria”. Così il direttore generale della Usl Umbria 2, Massimo De Fino, in una lettera inviata alle istituzioni locali e regionali all’inizio dell’estate in cui si evidenziava il rischio di un “buco nero” dei medici di medicina generale. Dei 57 medici di famiglia che “spariranno” entro la fine dell’anno, 15 sono nel distretto di Terni, 12 nel distretto di Spoleto, 11 a Foligno, 9 nel distretto Narni-Amelia, 7 nel distretto di Orvieto e 3 nel distretto della Valnerina.

“Proprio per assicurare l’assistenza sanitaria in modo uniforme ai cittadini, visto che allo stato attuale la problematica in alcuni contesti territoriali risulta essere estremamente grave, con le organizzazioni sindacali di categoria è stato stabilito di adottare delle misure straordinarie ed eccezionali come quella di mantenere, su base volontaria, l’incarico convenzionale ai medici anche oltre il 70esimo anno di età”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mancano medici di base, l’accordo in Regione: “Possono restare anche oltre 70 anni”

TerniToday è in caricamento