Mercatino del mercoledì a Terni, verso la soluzione: "Abbiamo ascoltato le esigenze della città”

L’assessore Fatale: “Abbiamo incontrato le associazioni di categoria per la soluzione vocabolo Staino”. Possibili novità ulteriori nei prossimi giorni in previsione della Fase Due

foto di repertorio

Potrebbe essere l'area di vocabolo Staino quella designata per accogliere, provvisoriamente, il tradizionale mercatino del mercoledì. L’assessore al commercio Stefano Fatale non si sbilancia anche in virtù delle procedure sulle quali conformarsi. A tal proposito sottolinea: “Abbiamo ascoltato le esigenze della città, dopo aver incontrato le associazioni di categoria. Reputiamo l’area dello Staino la soluzione temporanea più adatta. Naturalmente occorrerà procedere con tutti i sopralluoghi del caso per accertare tale eventualità”.

L’iter prevede anche un passaggio in giunta che potrebbe concretizzarsi a breve, in previsione della cosiddetta Fase 2 post emergenziale. La riapertura del mercatino dovrebbe essere riservata, al momento, alle attività alimentari. L’emergenza Coronavirus aveva di fatto impedito di poter focalizzarsi su un argomento cruciale per decine di operatori e i numerosi clienti. Nelle scorse settimane era stata dapprima prospettata la soluzione Passeggiata per poi virare su altre opzioni, tra queste proprio vocabolo Staino. Il motivo dello spostamento è naturalmente dettato dall’inizio dei lavori del nuovo PalaTerni che sorgerà nell’area adiacente allo stadio Libero Liberati.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si tornerà in "zona arancione". Domani l'ordinanza che farà retrocedere l'Umbria

  • Lutto a Terni, è scomparso Mauro Moretti noto ristoratore di una storica attività del territorio

  • Esce dall'auto e poco dopo si accascia a terra e muore. Un sabato pomeriggio drammatico a Ferentillo

  • La profumeria ecobio e l’idea creativa di un’imprenditrice ternana: “Ispirata da una filosofia di vita”

  • Terapie intensive, ricoveri ordinari e indice Rt: ecco perché l’Umbria rischia il “cartellino” arancione

  • Non paga la dose di cocaina al pusher ed è costretto a cedergli i suoi valori personali. La polizia intrappola un 25enne di Orvieto

Torna su
TerniToday è in caricamento