menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Mercato ortofrutticolo, la scadenza odierna prima dello sfratto: "Delibera pronta, presto operativa"

Ultimo giorno dell'anno e 'sfratto' per gli operatori dell'ortofrutta, ma l'assessore Stefano Fatale spiega e invita alla serenità: "A Maratta sarà un nuovo polo commerciale per l'ingrosso e lo sviluppo"

Il 31 dicembre 2019 è il giorno in cui, in linea teorica, diventa esecutivo lo “sfratto” degli operatori del mercato ortofrutticolo dall’area che occupano da decenni, quella del Foro Boario. Motivo dell’allontanamento è quello del prossimo avvio, in quella stessa zona, del cantiere per la costruzione del nuovo palazzetto dello sport, il PalaTerni. Dell’apprensione degli operatori si fa portavoce il Centro studi Malfatti che chiede al Comune “se fino alla consegna del nuovo mercato ortofrutticolo gli operatori potranno temporaneamente restare nella attuale area, oppure è stato previsto un luogo temporaneo per lo svolgimento delle suddette attività”. Il Centro studi si chiede anche se “non fosse stato opportuno avviare il bando e relativa realizzazione prima di dare lo sfratto ai grossisti ortofrutticoli”, sollecitando sindaco e assessore a fornire chiarimenti al riguardo.

La replica dell’assessore al Commercio Stefano Fatale non si fa attendere: “Gli operatori dell’ortofrutticolo di Foro Boario possono stare sereni perché la delibera è pronta e sarà votata al più presto in Consiglio, non è stato fatto il bando prima perché c’era stato un problema tecnico e burocratico, ma in Consiglio – rimarca - passerà perché è tutta intenzione dell’amministrazione comunale mettere a disposizione uno spazio più che adeguato per loro, a Maratta, tra Terni e Narni e, soprattutto, collegato molo bene alla superstrada quindi utile per il mercato e gli scambi all’ingrosso. Poi sarà un’area di sviluppo commerciale dove insisteranno nuovo mattatoio, mercato, attrezzature e dunque, oltre agli scambi e alla vendita, saranno incentivati sviluppo e occupazione. E’ chiaro però – sottolinea Fatale - che ci dovrà essere interesse da parte degli operatori perché se si presenteranno in tre  l’occasione potrebbe sfumare. Da parte nostra l’impegno c’è”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TerniToday è in caricamento